BAYERN-MILAN: LA FLOP 3 ROSSONERA

BAYERN-MILAN: LA FLOP 3 ROSSONERA

Commenta per primo!

Keishuke Honda
Keisuke Honda – fonte www.acmilan.com
Questa sera il Milan è sceso in campo per la sfida con il Bayern Monaco. Una sonora sconfitta: 3-0 che non lascia scampo. Un messaggio chiaro: c’è ancora tanto da lavorare. Un passo indietro dopo la bella tournée cinese. Differente qualità in campo, come differente è la condizione fisica. I tedeschi hanno già svolto la loro prima gara ufficiale, mentre i rossoneri sono nel pieno della preparazione. Tanti i giocatori utilizzati da Mihajlovic, vi proponiamo qui i peggiori 3 della gara, con una menzione d’onore per Alex che, entrato nella ripresa al posto di Zapata affaticato, ha praticamente regalato il 3 a 0 a Lewandowski.3) Andrea Bertolacci: Il peso di quei 20 milioni sembra trascinarselo sul campo: lento di gambe e di testa, troppi tocchi, troppo asfissiante il pressing degli uomini di Guardiola. Nel primo tempo sembra preoccuparsi maggiormente di coprire le (rare) incursioni di Antonelli e di fare un lavoro di pressing. Nel secondo tempo sale la qualità delle sue giocate e, di conseguenza, sale leggermente anche il gioco del Milan. Bella la palla servita a Carlos Bacca che poteva regalare il pareggio ai rossoneri. Un’altra prova incolore, comunque, per l’ex centrocampista del Genoa.2) Keisuke Honda: A scuola si diceva: “E’ bravo ma non si applica”. Al giapponese gli si può dire: “Si applica, ma…”. Limiti fisici evidenti: il numero 10 rossonero non trova mai lo spunto, fa fatica a farsi vedere tra le linee e non serve mai la coppia Luiz Adriano-Carlos Bacca, abbandonata a se stessa. Nel primo tempo prova a venire dietro a giocare la palla, ma si rende più dannoso che utile, regalando una palla a Douglas Costa. 10 sulle spalle, non sicuramente sulla pagella.1) Mattia De Sciglio: Fatica. Enorme fatica. Prima se la deve vedere con Douglas Costa, funambolico brasiliano che Luiz Adriano conosce bene, avendoci giocato insieme 5 anni. De Sciglio gli legge solo la targa, come capita a chiunque passi dalle sue parti. Lento, impacciato, non trova mai il fondo del campo ed è impreciso anche negli appoggi. Urge darsi una svegliata: il tempo passa, così come il ricordo delle sue belle prestazioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy