PAROLA AL TIFOSO – MILAN, FINE DI UN’EPOCA?

PAROLA AL TIFOSO – MILAN, FINE DI UN’EPOCA?

Parola al Tifoso (Fonte: pianetamilan.it)
Parola al Tifoso (Fonte: pianetamilan.it)
Per la rubrica, ampiamente dedicata ai supporter rossoneri, “Parola al tifoso”, oggi pubblichiamo la lettera di Roberto Voltolina, appartenente al gruppo facebook ‘Milan finchè vivrò sarò al tuo fianco:Milan, fine di un’epoca? E’ una domanda che ultimamente mi sono posto tante volte, il Milan, tornerà a primeggiare in Italia e nel mondo?Sinceramente ora come ora, non so darmi una risposta precisa, ovvio a lungo termine credo di si: si dice spesso il calcio è ciclico, quindi torneranno ancora le nostre vittorie. Il mio ragionamento è focalizzato più nel breve periodo, presente e prossimo futuro, beh allora la mia risposta è sicuramente no!Qualcuno potrebbe chiamarlo pessimismo cosmico, ricordando Leopardi, io credo invece sia semplice realtà dei fatti.Purtroppo il nostro presidente, tra vari problemi personali, e l’aumento considerevole della gestione di una squadra di calcio, ha un po’ tirato il freno sulle varie spese, chiedendo al suo amministratore delegato il pareggio di bilancio.Nel calcio del 2014,  non è semplicissimo essere protagonisti, senza degli enormi investimenti da parte dei propri presidenti; il gioco calcio è diventato uno sport esclusivo, dove pochi team e nazioni attualmente possono vantarsi di essere nell’elitè. Ad oggi, ci sono 6/7 team che si dividono il palcoscenico, con campagne acquisti pazzesche,  mentre a tutti gli altri restano solo le briciole da spartirsi.Questi ricchi club sono Bayern Monaco, Paris Saint Germain, Barcellona, Real Madrid, Manchester City/United e Chelsea, quindi una squadra francese, una tedesca, due spagnole e ben tre inglesi.Ci sono vari motivi per cui questi club possono spendere cifre da capogiro; primo fra tutti, ovvio avere dei proprietari, magnati plurimilionari. Spesso questi sono di origine di russa o araba, e possiedono risorse economiche quasi illimitate, secondo motivo, tutte queste squadre  hanno lo stadio di proprietà, aperto 365 giorni all’anno, con ristoranti, negozi vari, cosa che in Italia, Juventus a parte, per ora non esiste, stadi da cui questi team ricavano un 20/30 % del proprio bilancio annuo, cifre molto sostanziose , che a noi in questo momento mancano.Terzo motivo, ma altrettanto importante, una differente ritenuta fiscale tra le diverse nazioni, dove purtroppo in Italia, tra tasse varie, un proprietario di un team italiano, solo di spese di gestione, deve pagare molti più soldi (milioni di euro) di un collega per esempio, tedesco o spagnolo.Il problema Milan, ovvio è di tutto il calcio italiano, le nostre società vivono con i diritti televisivi, che nel nostro bilancio corrispondono al 70% circa del nostro fatturato, quando in Inghilterra, o in Germania invece incidono “solo” al 30/40%.Praticamente noi viviamo con i soldi dalle varie televisioni.Dobbiamo trovare nuove strade per risalire la china, prima cosa ovviamente migliorare i nostri ricavi.In questa ottica, casa Milan dovrebbe servire proprio a questo, secondo, la costruzione di un nuovo stadio di proprietà e sperando nasca il primo possibile, terzo, migliorando il merchandising.Anche qui, ahime, siamo anni luce dagli altri top club esteri, facendo altresì pressione anche per una legge, che finalmente vieti tutti quei prodotti venduti fuori dai vari stadi, taroccati e non ufficiali, a causa anche di questo  le varie società perdono parecchi introiti.Cosa fare nel frattempo per migliorare sotto l’aspetto sportivo?Beh a  mio parere, bisognerebbe investire nel nostro settore giovanile, aumentando la rete di osservatori in giro per l’Italia e l’Europa, più occhi, uguale più possibilità di scovare i vari talenti, anche qui rispetto agli altri top club stiamo arrancando, difficilmente arriviamo primi su un possibile talento, spesso prendiamo la seconda scelta, spesso addirittura non osserviamo  nemmeno certi campionati stranieri, dove invece ultimamente c’è un incremento di talento e “fame” calcistica, come Belgio, Colombia e Francia. E soprattutto dando ai vari ragazzi più responsabilità e fiducia, creando delle seconde squadre che possano partecipare a campionati più impegnativi di un semplice campionato Primavera, dove il livello non è sempre eccelso, ma questo è un problema di Lega e figc ed è tutta un’altra storia…Concludendo, credo che forse prima o poi torneremmo grandi, ma dovrà passare parecchio tempo purtroppo, sperando che il presente si sbagli meno possibile nelle varie campagne acquisti, non comprando a caro prezzo giocatori per lo più di basso valore, e non perdendo invece giovani campioni a prezzo di saldo (Pogba e Verratti), sperando che il nostro presidente ci regali le ultime gioie della sua presidenza e che invece non si vada verso un lento ma inesorabile declino…Ma per tutta la vita, nel bene e nel male, sempre con la gioia in gola di gridare: Milan,Milan,Milan, forza lotta vincerai,. non ti lasceremo mai!!Roberto Voltolina(Milan finché vivrò sarò al tuo fianco)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy