PAROLA AL TIFOSO – LE COSE BUONE E MENO BUONE

PAROLA AL TIFOSO – LE COSE BUONE E MENO BUONE

Parola al Tifoso (Fonte: pianetamilan.it)
Parola al Tifoso (Fonte: pianetamilan.it)
Per la rubrica, ampiamente dedicata ai supporter rossoneri, “Parola al tifoso”, oggi pubblichiamo la lettera di Gacomo Milesi, appartenente al gruppo Facebook ‘Milan finché vivrò sarò al tuo fianco‘:Il 2014 si chiude con un buon pareggio a Roma,vediamo dunque di fare un bilancio di questo scorcio di stagione giunta quasi al giro di boa. La squadra nell’ultimo mese è migliorata molto in compattezza, contro Udinese,Genoa,Napoli e Roma il Milan ha subito solo un gol, a Genova contro il Genoa e perlopiù su calcio d’angolo.Il miglioramento è coinciso, paradossalmente, con l’uscita di scena dei titolari Abate, De sciglio, Alex e buon ultimo Adil Rami. Ma credo sia non un discorso di difesa nel senso di singoli, ma piuttosto di fase difensiva in generale. La squadra ha trovato una sua quadratura, il mister Pippo Inzaghi ha lavorato molto su questo e credo che i consigli di Arrigo Sacchi stiano aiutando molto. Il rientro di capitan Riccardo Montolivo ha dato finalmente un senso al centrocampo: l’ex Fiorentina deve ancora ritrovare la condizione ottimale ma il suo rientro ha dato ordine e qualità in mezzo al campo ;Nigel De Jong è dunque liberato da compiti di impostazione e sta tornando quel mastino di qualità che tutti conosciamo e apprezziamo, inoltre dà più protezione alla linea difensiva andando puntualmente a raddoppiare il centrale difensivo che si stacca: è dunque una sorta di terzo stopper, che agisce 5 metri più avanti.Il tridente offensivo è dinamico, specialmente nella figura di Jack Bonaventura,vero e proprio fondista della squadra: questo ragazzo sta crescendo in maniera esponenziale, ormai si può dire che è un titolare inamovibile della squadra.L’uscita (momentanea) di Fernando Torres, nota meno lieta di questo primo scorcio di stagione, ha reso la formazione più corta perchè, in fase di non possesso, Jack e Keisuke Honda arretrano con tutta la squadra creando un 4-3-2-1 di ancelottiana memoria, lasciando come terminale offensivo Jeremy Menez, finalmente libero di poter creare situazioni pericolose davanti.Ovvio, poi c’è la singola crescita dei difensori: Philippe Mexes sta sfruttando magnificamente lo spazio che mister Inzaghi gli ha concesso e sta inanellando prestazioni maiuscole una dietro l’altra. Daniele Bonera, nel ruolo di terzino destro, sta dando prova di grande affidabilità e Cristian Zapata sta tenendo mentalmente: Cristian se concentrato rimane uno dei centrali migliori del campionato, unica pecca è la tattica del fuorigioco….deve salire con tutta la squadra e a volte se lo “dimentica”.In più c’è quel fenomeno, credo si debba chiamare cosi, di Diego Lopez….Intendiamoci, non è una sorpresa, era il portiere titolare della squadra campione d’Europa ma cosi forte e reattivo non ce lo aspettavamo: a Roma si è reso protagonista di altra prova maiuscola.Ora con l’anno nuovo arriveranno quei rinforzi che Pippo chiede e la squadra migliorerà ulteriormente,dando l’assalto decisivo a quel terzo posto che il Milan deve assolutamente raggiungere.Su la testa dunque il 2015 si annuncia pieno di soddisfazioni. Con il Milan nel cuore.Giacomo Milesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy