Maldini torna al Milan, sarà Direttore Sviluppo Strategico

Maldini torna al Milan, sarà Direttore Sviluppo Strategico

Dopo nove anni, Maldini torna in rossonero nei panni di dirigente. Leonardo l’ha convinto, ma è stato fortemente voluto da Elliott.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Il giorno della propria presentazione, Leonardo a precisa domanda su un eventuale ritorno di Paolo Maldini si era lasciato andare molto e aveva lasciato intravedere un chiaro sorriso. Non poteva essere un’idea qualsiasi, si capiva che stava già lavorando al ritorno dell’eterno numero 3. Ora è arrivata la conferma: Maldini, dopo nove anni lontano dai colori rossoneri, passati a tentennare su offerte che non lo convincevano, torna al Milan. Torna a casa. Perché il Milan è casa sua e non è un caso che questa espressione sia quella più utilizzata in queste ore. Il Milan sta tornando a essere popolato da persone che hanno sempre rappresentato il Milan. Maldini in modo particolare: 31 anni ininterrotti, seguiti da uno stop di 9. Ora si riprende. Sarà Direttore Sviluppo Strategico Area Sport. Non è chiaro di cosa si occuperà, ma oggi verrà spiegato meglio.

La sensazione che con la nuova proprietà potesse tornare a sventolare la Bandiera del numero 3 la si aveva già da un po’ e pare che, già prima di subentrare a Yonghong Li, il fondo statunitense si fosse portato avanti con il lavoro, convinto di volere Maldini. Dopo il cambio di proprietà ufficiale, si è subito andati alla ricerca di un accordo, fino ad arrivare all’annuncio di ieri, scrive La Gazzetta dello Sport. Il comunicato di ieri lascia intendere, seppur in poche righe, l’importanza di questo ritorno: spiega come il cognome Maldini sia legato al Milan e come questa scelta sia una dimostrazione della voglia di riportare il Milan in alto. Questo è il pensiero anche di Paolo Scaroni.

Non bisogna dimenticare che Maldini aveva rifiutato con sicurezza l’offerta del Milan cinese. Se oggi l’eterno capitano è all’interno della dirigenza significa che il progetto di Elliott l’ha convinto realmente. A Maldini è stato presentato un progetto che lo vedeva protagonista della rinascita rossonera. L’altro fattore determinante è stato il ruolo offertogli: sarà un incarico operativo, di collaborazione con Leonardo e, forse, nell’area marketing. Niente ruoli di facciata, che non ha mai voluto. Infine, decisiva la presenza di Leonardo, con cui è in ottimi rapporti.

Inoltre, oggi Maldini avrà la possibilità di incontrare la proprietà che l’ha fortemente voluto. Non è ufficiale, ma è atteso a Milano Gordon Singer, figlio del proprietario del fondo Elliott, Paul Singer. Se con Yonghong Li non aveva potuto parlare, ecco che con i Singer sarà subito a stretto contatto. Probabile che Singer incontri anche Gennaro Gattuso, Scaroni e Leonardo, oltre a visitare Milanello e Casa Milan. Alle 16:30 ci sarà la conferenza stampa di presentazione di Paolo, ma su Milan TV sarà una giornata dedicata totalmente al numero 3…

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy