Gazzetta – Anima Milan ed investimenti: i primi 50 giorni di Elliott

Gazzetta – Anima Milan ed investimenti: i primi 50 giorni di Elliott

Il 21 luglio scorso si è insediato il fondo Elliott Management Corporation come nuovo proprietario del Milan: questi gli obiettivi della famiglia Singer

di Daniele Triolo, @danieletriolo

‘La Gazzetta dello Sport’ in edicola questa mattina ha dedicato un approfondimento ai primi 50 giorni di lavoro del fondo Elliott Management Corporation come nuovo proprietario del Milan. Lo scorso 21 luglio, infatti, finiva ufficialmente l’era dei cinesi in Via Aldo Rossi e, con l’assemblea dei soci del mattino, venivano distribuite le nuove cariche e ratificato il nuovo Consiglio d’Amministrazione del Milan.

Spazzati via Marco Fassone Massimiliano Mirabelli, dentro Paolo Scaroni, nuovo Presidente del Milan e, attualmente, amministratore delegato ‘ad interim‘ del club rossonero, ma, soprattutto, il ritorno del brasiliano Leonardo come responsabile dell’area tecnica e di Paolo Maldini, bandiera e leggenda del Diavolo, come Direttore Strategico Sviluppo Area Sport. Nel mezzo, Elliott ha provveduto ad un aumento di capitale da 50 milioni di euro.

Così, ha permesso a Leonardo e Maldini di rinforzare la squadra in sede di mercato, nel rispetto, però, delle norme UEFA in materia di Fair Play Finanziario. Allestito lo scambio tra Leonardo Bonucci e Mattia Caldara con la Juventus, dai bianconeri è arrivato anche il colpo Gonzalo Higuaín, oltre ad altri rinforzi di qualità come Tiémoué Bakayoko, Diego Laxalt e Samuel ‘Samu’ Castillejo. Elliott ha anche confermato e dato fiducia al tecnico Gennaro Gattuso, nel solco di un D.N.A. milanista che la famiglia Singer ha dimostrato di voler salvaguardare e trasmettere.

Gordon Singer, tra l’altro, figlio di Paul, fondatore di Elliott, è già venuto due volte in Italia: la prima per un summit di mercato ad inizio agosto; la seconda per assistere a Milan-Roma a ‘San Siro‘, prima vittoria stagionale, ufficiale, dei rossoneri. In tale occasione ha presenziato anche Ricardo Kakà, altra vecchia gloria rossonera, il quale sarà, molto probabilmente, il prossimo ex milanista a tornare all’ovile.

Finito qui? Tutt’altro. L’apporto di Elliott Management Corporation, infatti, è stato fondamentale per far riammettere il Milan all’Europa League, competizione in un primo momento negatale dalla sentenza UEFA, in occasione del ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna. Ora, sempre con la UEFA, ma all’Adjudicatory Chamber di Nyon, Elliott ricomincerà presto un’altra gara, altrettanto importante, per il futuro del club. I Singer puntano ad ottenere il Voluntary Agreement: il punto della situazione.

++ Guarda Gratis per un mese DAZN!! CLICCA QUI ++

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy