PROFILING – OKAKA: CLASSE, FORZA E TANTA GAVETTA. ECCO IL BOMBER CHE PIACE AL MILAN

PROFILING – OKAKA: CLASSE, FORZA E TANTA GAVETTA. ECCO IL BOMBER CHE PIACE AL MILAN

Stefano Okaka esulta dopo la rete al Milan - fonte www.corrieredellosport.it
Stefano Okaka esulta dopo la rete al Milan – fonte www.corrieredellosport.it
Nome: Stefano Chuka OkakaEtà: 25 anni (09/08/1989)Nazionalità: ItalianaSquadra: SampdoriaRuolo: Attaccante, punta centralePiede Preferito: DestroLa storia: Okaka può considerarsi un vero e proprio girovago del calcio italiano. Dopo una breve parentesi negli Allievi del Cittadella, la Roma puntò forte su di lui nel 2004, inserendolo nel proprio settore giovanile e facendolo giocare due categorie sopra quella che gli spetterebbe. Con i giallorossi ha esordito anche in Serie A, Coppa Italia e Champions League, ma il suo talento era ancora acerbo. Così una lunga gavetta, passando per Modena, Brescia, Fulham e Bari, intervallati da sporadici e temporanei rientri a Trigoria. La Roma nel 2012 infine lo ha scaricato, cedendolo al Parma. Una parentesi con i ducali, una in prestito allo Spezia, prima che nel gennaio 2014 la Sampdoria lo mettesse al centro del proprio progetto. Ora è un perno della squadra allenata da Mihajlovic e sembra ormai maturo per il salto di qualità. Complessivamente fanno 216 gare da professionista, condite da 37 reti. In particolare in questa stagione i gol sono 2 in 12 presenze. Ottimo il percorso anche in Nazionale: dall’Under19 all’Under21 le presenze sono 12 e Stefano è andato a segno 4 volte. Quest’anno, il 18/11, ha debuttato con l’Italia di Conte, in amichevole contro l’Albania, ‘realizzando’ il gol vittoria (in realtà per le norme UEFA, nonostante il suo colpo di testa la marcatura è stata calcolata come autorete).Caratteristiche tecniche: Fisico possente, Stefano dispone comunque di una grande rapidità sia negli allunghi che nei dribbling uno contro uno, facilitato anche dalla propria stazza che gli consente di difendere con efficacia il pallone. Abile negli inserimenti e nei colpi di testa, ha nelle sue corde anche il tiro dalla distanza. Predilige giocare da punta centrale, meglio se supportato da due esterni, ma non disdegna anche la presenza di un altro centravanti, così da poter svariare maggiormente su tutto il fronte offensivo.Mercato: Dopo l’esplosione avuta quest’anno con la Sampdoria, il bomber ha attirato le attenzioni di molti club italiani e non, impressionati dalle sue qualità e ingolositi dal prezzo non elevato (valutato circa 5 milioni, ne servono 7-8 per convincere la Sampdoria). Negli ultimi giorni si è parlato con insistenza del Milan, che potrebbe intavolare con i blucerchiati uno scambio: Okaka in rossonero, Pazzini di nuovo a Genova, un ritorno nella squadra che lo ha definitivamente consacrato. Stefano dal canto suo ha il contratto in scadenza nel 2016 e ha già comunicato di non voler rinnovare e di voler provare un’esperienza in un altro club.Curiosità: Nonostante non sia mai stato considerato fino a questa stagione uno dei migliori nel suo ruolo, Okaka vanta una quantità di record notevole per un ragazzo di 25 anni: – è stato il più giovane marcatore del Torneo di Viareggio, nel 2004/2005 (Roma); – il più giovane italiano a disputare una gara nelle coppe europee, nel 2005 (Roma); – il più giovane marcatore nella storia della Coppa Italia, nel 2005 (Roma).La parola “Chuka”, inserita nel suo nome, vuol dire Dio è al di sopra di ogni cosa.Ha ottenuto il passaporto italiano al compimento dei 18 anni e ha scelto di giocare con la Nazionale Italiana, nonostante le avances della federazione Nigeriana, paese di origine dei genitori.Ha una sorella, Stefania, giocatrice di pallavolo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy