PROFILING – ILLARRAMENDI: IL SUCCESSORE DI XABI ALONSO CHE HA STREGATO IL MILAN

PROFILING – ILLARRAMENDI: IL SUCCESSORE DI XABI ALONSO CHE HA STREGATO IL MILAN

Asier Illaramendi (fonte foto: realmadridcup.com)
Asier Illaramendi (fonte foto: realmadridcup.com)
Nome: Asier Illarramendi Età: 24 anni (08/03/1990) Nazionalità: Spagnola Squadra: Real Madrid Prezzo: 7 milioni di euroLA STORIA: Nato 24 anni fa in Guipuzcoa, cuore pulsante dei Paesi Baschi spagnoli, Illarramendi cresce a pane e Real Sociedad, nel vivaio della quale entra fin da piccolo. Nel 2007 gioca la sua prima partita con la squadra riserve, da cui qualche anno fa è passato pure un certo Xabi Alonso. Tre anni dopo la prima squadra lo fa esordire nella gara persa 4-1 contro l’Elche, risultato che non impedisce tuttavia ai baschi la promozione in Primera Division; per Illarra si spalancano le porte della massima serie spagnola, con cui si confronta per la prima volta nel gennaio 2011. Entrato subito nel cuore dei tifosi per le sue origini basche e per la straordinaria maturità, il n.8 nella stagione 2011/2012 diventa il perno dell’undici di Montanier e si impone come uno dei migliori centrocampisti del campionato, nonostante un brutto infortunio lo tenga ai box per circa tre mesi. Ritornato a disposizione, nell’ottobre 2012 si guadagna un lungo rinnovo del contratto, che immediatamente mostra di meritare conducendo i suoi ad una storica qualificazione alla prossima Champions League. Con la nazionale spagnola U21, Asier vince il campionato Europeo in Israele nel 2012. Un anno più tardi, nell’estate del 2013, il passaggio al Real Madrid con la societá merengue che sborsa la cifra record (per un centrocampista) di 39 milioni di euro.STATISTICHE E RENDIMENTO: Asier Illarramendi esordisce nella squadra riserve della Real Sociedad nel 2007 all’età di 17 anni e debutta in prima squadra, all’epoca nel campionato di Secunda Divsion, tre anni più tardi giocando 66 minuti nella partita che decretò la promozione nella Liga della squadra di San Sebastian. Dal 2010 al 2013 colleziona 53 presenze in campionato servendo due assist. Non riesce mai ad andare in gol in campionato ma ció non ostacola il passaggio al Real. In maglia merengue, nella stagione 2013-2014, Asier ha collezionato 49 presenze (29 in campionato, 9 in Coppa del Re e 11 in Champions), molte delle quali subentrando a partita in corso, ed é andato in rete complessivamente 3 volte. La stagione in corso si sta sviluppando sulla falsa riga della precente con Ancelotti che ha schierato Illarramendi per 309 minuti in tutte le competizioni, una media quasi 31 minuti a presenza.CARATTERISTICHE TECNICHE: Illarramendi inizialmente fu etichettato come il nuovo Xavi in quanto è dotato della stessa propensione al gioco nello stretto del centrocampista blaugrana, grande interprete di quel gioco che fa venire il mal di testa agli avversari. Centrocampista duttile e completo che sa dare il meglio di se nella fase di impostazione del gioco: passaggi corti perfetti, lanci millimetrici e palle filtranti sempre servite sulla corsa delle ali o degli attaccanti sono i suoi punti di forza principali. Nelle ultime stagioni Asier, peró, é migliorato molto anche in fase di interdizione acquisendo quella completezza,che nel calcio moderno, é molto importante per ogni centrocampista di livello. Migliorando la fase di interdizione, Illarramendi é diventato, attualmente, forse piú simile a Busquets (restando con i paragaoni in casa Barça) che allo stesso Xavi. Asier infatti, da il meglio di se davanti alla difesa dove risulta essere assai prezioso sia nel recuperare i palloni che nell’impostare l’azione. Non si tratta quindi di un regista classico ma di un preciso uomo d’ordine in mezzo al campo che sa smistare con tranquillità e personalità il pallone, che si propone spesso in appoggio ai compagni per ricevere il possesso, risultando così estremamente funzionale alla filosofia di gioco spagnola.MERCATO: Il contratto di Illarramendi con il Real Madrid scade nel 2019 ma il giocatore avrebbe bisogno di giocare con più continuità per crescere ulteriormente e sentirsi protagonista. Il Milan ci sta pensando e grazie ai buonissimi rapporti che legato Adriano Galliani e Florentino Perez, la societá di via A. Rossi potrebbe avere ancora una volta una corsia preferenziale per un giocatore merengue. A Gennaio il Milan potrebbe permettersi solo la formula del prestito per poi magari, ridiscutere il tutto, a fine stagione. Un altro alleato dei rossoneri potrebbe essere Carlo Ancelotti, che in caso di cessione, potrebbe consigliare al ragazzo proprio il Milan come sua prossima destinazione. Dal canto suo, Inzaghi, otterrebbe un rinforzo importante per il suo centrocampo aggiungendo, con un solo uomo, qualitá, duttilitá tattica e una buona dose di dinamismo.Gaetano De Pippo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy