MILAN, CENTROCAMPO INGUARDABILE MA ANCORA NESSUN RINFORZO

MILAN, CENTROCAMPO INGUARDABILE MA ANCORA NESSUN RINFORZO

Commenta per primo!

Sulley Muntari (fonte foto: www.accrareport.com)
Sulley Muntari (fonte foto: www.accrareport.com)
Si parla sempre di attaccanti, mai di centrocampisti, risultato: una mediana imbarazzante, senza corsa, qualità e idee. Quali dei giocatori in rosa sono veramente da Milan e quali solamente il meno peggio? La bruttissima partita di sabato sera contro la Lazio ha certificato ancora di più la crisi di gioco e di risultati del Milan e del centrocampo, incapace di produrre gioco ed azioni da gol; ma vediamo in rassegna quali sono i centrocampisti “da Milan” e quelli da bocciare.Muntari: gran combattente, buon apporto di gol, ma è troppo nervoso, si fa spesso ammonire o espellere, non ha piedi buonissimi e neanche una buona visione di gioco: in definitiva ha più quantità che qualità. Va bene come rincalzo. Voto: 5.5Van Ginkel: impalpabile, non lotta, quasi abulico, non ha grandi doti tecniche e poca visione di gioco, personalità zero: nelle poche occasioni avute non ha mai convito. Per ora non è da Milan. Voto: 4.5Essien: Si è visto pochissimo, quando ha giocato non ha mai convinto. Il grande giocatore del passato è un lontano ricordo, ma sarebbe lecito aspettarsi di più, anche e sopratutto dal punto di vista dell’interdizione che, in teoria, dovrebbe essere la specialità della casa. Voto 5De Jong: gran combattente, ha due polmoni d’acciaio, non si risparmia mai (qualità apprezzatissima dal pubblico di S. Siro), ha una discreta visione di gioco, anche se sotto questo punto di vista potrebbe migliorare; i piedi non sono onestamente vellutati come quelli di Seedorf, è forse solo questo l’unico difetto di un giocatore a cui viene chiesto di impostare la manovra, ma non è questo il suo mestiere. L’olandese sa recuperare palloni e combattere, e lo fa bene. E’ da Milan (ma come incontrista non come regista). Voto: 6.5.Poli: ha buoni piedi, è bravo ad inserirsi in area e ad “attaccare gli spazi”, non a caso quando il Milan gioca in contropiede lui dà un apporto importante; tra i difetti possiamo dire che sia discontinuo, a volte si perde e tiene troppo il pallone tra i piedi, può giocare sia come ala che come attaccante esterno. Manca di personalità. Va bene come rincalzo. Voto: 5,5Montolivo: potenzialmente è un grande campione, ma non ha continuità e non ha personalità, a volte pecca di presunzione e di supponenza (come nell’errore di sabato in cui ha passato la palla a Klose per il vantaggio laziale); ha buoni piedi e una ottima tecnica, una buona visione di gioco anche se è molto migliorabile. Se supera la supponenza che a volte ha e se migliora come personalità, può diventare un grande campione. E’ da Milan ma deve cambiare atteggiamento. Voto: 5.5Incredibile, in un contesto come questo, che la società non si stia muovendo per un rinforzo concreto a centrocampo. Suso e Bonaventura non sono centrocampisti “puri” e l’uscita di Saponara ha liberato un posto. Al Milan serve un rinforzo vero, che serva a questa squadra, sopratutto se pensiamo al recente passato quando in rossonero c’era gente come Seedorf, Kakà, Rui Costa, Pirlo, piedi sopraffini, grande visione di gioco, grande personalità, doti che ti fanno vincere scudetti e Champions League e che oggi sono solo un pallido ricordo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy