Super Champions: la Bundesliga è contraria alla riforma

Super Champions: la Bundesliga è contraria alla riforma

Sta facendo discutere l’ipotesi di una Super Champions nei prossimi anni. La Bundesliga non ci sta e le parole del CEO Christian Seifert sono chiarissime

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME MILAN – Il mondo del calcio è in fermento per la possibile riforma che nei prossimi anni si potrebbe decidere di attuare. L’istituzione della Super Champions sta facendo discutere e non poco. In Italia ne ha parlato addirittura il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, schierandosi apertamente contro la sua messa in pratica.

Per quanto riguarda gli altri Paesi coinvolti spicca la reazione forte, decisa della Germania. In occasione dell’assemblea ordinaria della Bundesliga, il CEO Christian Seifert ha così parlato dell’eventualità di una Super Champions: “Il concetto attualmente discusso dall’ECA avrebbe conseguenze inaccettabili per i campionati nazionali in Europa e pertanto non dovrebbe essere attuato in questa forma. Siamo convinti che il presidente dell’UEFA Aleksander Ceferin valuti correttamente il valore dei campionati nazionali come sede centrale del calcio professionistico europeo”.

Ha proseguito Seifert: “Una possibile riforma delle riforme europee per club già di grande successo dovrebbe essere soddisfacente per tutti i partecipanti, non solo per pochi. Due punti sono di cruciale importanza: il numero di partite nel calendario e, soprattutto, l’accesso alle competizioni internazionali. Le modifiche a questi non devono compromettere la rilevanza e il futuro dei campionati nazionali in Europa. Ciò danneggerebbe in modo sostenibile l’intero calcio europeo e questo non potrà mai essere nell’interesse della UEFA”. Intanto il Milan si gioca l’accesso alla Champions contro il Frosinone: per saperne di più sul match: continua a leggere >>>

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APP: iOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy