Ordine: “UEFA, con Elliott non si scherza: rischi una nuova Bosman”

Ordine: “UEFA, con Elliott non si scherza: rischi una nuova Bosman”

Franco Ordine, giornalista de ‘Il Giornale’, è intervenuto ai microfoni di ‘Milan TV’ per commentare il nuovo deferimento del Milan presso la UEFA

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Intervenuto ai microfoni di ‘Milan TV‘ a margine della conferenza stampa di Gennaro Gattuso al ‘Milanello Sports Center‘ di Carnago (VA), il giornalista de ‘Il Giornale‘, Franco Ordine, ha parlato delle parole di Paolo Maldini e dei possibili sviluppi della questione relativa al deferimento della UEFA nei confronti del Milan (clicca qui per il comunicato ufficiale da Nyon): “Affido all’intervista di Maldini una grande importanza, non soltanto dal punto di vista calcistico interno, ma soprattutto dal punto di vista politico esterno. Ho letto questa mattina alcuni portavoci di Nyon dire che non conviene al Milan andare alla giustizia ordinaria. Io vorrei segnalare alla UEFA che è il contrario. Sono loro che non hanno capito che Elliott non è il solito Presidente di calcio che è nel calcio da una vita e ci vuole rimanere per una vita. Elliott risponde agli investitori, per cui se Aleksandr Ceferin se la dovesse prendere, Elliott se ne farà una ragione. Con Elliott non si scherza. La questione posta da Maldini è molto importante, significa che se la UEFA dovesse graffiare ancora di più il Milan, qui si rischia la seconda sentenza Bosman. Davanti ad una società che ha cambiato nuovamente proprietà, che ha sanato tutti i debiti, fare la voce grossa – a differenza di quanto permesso a Manchester City e Paris Saint-Germain – non va bene”. Ecco, intanto, cosa rischierebbe il club rossonero: continua a leggere >>>

MILAN-LAZIO IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

HAI BISOGNO DI ULTERIORI INFORMAZIONI? VAI QUI

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy