Bucchioni: “Conte non andrà al Milan. Leonardo voleva Sarri, ma …”

Bucchioni: “Conte non andrà al Milan. Leonardo voleva Sarri, ma …”

Enzo Bucchioni, giornalista sportivo, ha fatto il punto della situazione sulla panchina del Milan per la stagione 2019-2020: queste le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

CALCIOMERCATO MILANEnzo Bucchioni, giornalista sportivo, ha fatto il punto della situazione sulla panchina del Milan per la stagione 2019-2020. Queste le dichiarazioni di Bucchioni a ‘TuttoMercatoWeb‘: “Di sicuro Antonio Conte non andrà al Milan che l’aveva cercato due mesi fa entrando in concorrenza con l’Inter. Ci sono troppe incertezze legate all’assetto societario e al Fair Play Finanziario. Per molti anche la presenza di Leonardo è ingombrante e chi ha letto il libro di Carlo Ancelotti capisce perché – ha detto Bucchioni -. Un manager che ha sempre nel cuore la professione di allenatore diventa spesso difficile da gestire. Basta chiedere a Gennaro Gattuso. Gattuso che, come detto da molto tempo e ormai chiaro a tutti, a fine stagione chiuderà. Leonardo voleva Maurizio Sarri, ma l’allenatore toscano se conquisterà la Champions League (è quarto) resterà al Chelsea, il rapporto con Roman Abramovic s’è rinsaldato. E questo è un problema anche per la Roma che se non riuscirà a prendere Conte e neppure Sarri, dovrà ripiegare su un progetto meno ambizioso. E il Milan? Eusebio Di Francesco non convince, più intrigante allora cercare di convincere l’Atalanta a mollare Gian Piero Gasperini. Ma anche qui c’è di mezzo la Champions. Se l’Atalanta dovesse arrivare quarta (perché no?) per Gasperini sarebbe logico andare a giocarsi il torneo più bello del mondo con la squadra che lui ha forgiato in due straordinarie stagioni”. Di Gasperini al Milan ha parlato anche Alfredo Pedullà: per le sue dichiarazioni, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy