GIOVANI, TALENTUOSI E DISOCCUPATI: GLI STRANI CASI DI VAN GINKEL E SAPONARA

GIOVANI, TALENTUOSI E DISOCCUPATI: GLI STRANI CASI DI VAN GINKEL E SAPONARA

Commenta per primo!

Marco Van Ginkel (fonte foto: www.dailystar.co.uk)
Marco Van Ginkel (fonte foto: www.dailystar.co.uk)
“Giovani, carini e disoccupati” è un film di Ben Stiller del 1994. Non un capolavoro, bisogna ammetterlo. Si parla di neo laureati che entrano a far parte del “mondo dei grandi”, dove bisogna prendere in mano le redini della propria vita: decidere se vivere nell’anonimato oppure rivelarsi al mondo e agli altri. Ecco, a Milanello stanno girando il remake: “Giovani, talentuosi e disocuppati”, regia di Filippo Inzaghi, attori protagonisti Marco Van Ginkel e Riccardo Saponara. Produttore: Adriano Galliani.I due centrocampisti rossoneri hanno fatto parlare molto di loro quando erano più giovani: ottimi prospetti, centrocampista “box to box” uno, nuovo Kakà l’altro. Uno prelevato dal Chelsea quando era ancora in Olanda, l’altro preso dal Milan dopo un anno superlativo ad Empoli. Entrambi vittime di infortuni, anche gravi, che ne hanno rallentato l’affermazione. In questa stagione con Filippo Inzaghi non hanno trovato grande spazio: Van Ginkel ha giocato mezzora ad Empoli, dopo di che si è infortunato alla caviglia; ha assaggiato di nuovo il campo in un “B – movie” come il Trofeo Berlusconi, ma non era questo lo spettacolo a cui credeva di dover prendere parte. Saponara ha fatto il debutto dal primo minuto contro il Palermo, ed è stato uno dei pochi a salvarsi. Ora, con i problemi a centrocampo in vista del derby, uno dei due potrà ritrovare il campo. Saponara un derby lo ha già giocato, quello dello scorso anno, Van Ginkel cerca ancora i primi minuti a San Siro.Per loro si inizia a parlare di mercato, a gennaio o a giugno. Van Ginkel è stato preso in prestito secco da Galliani, e sicuramente lascerà il Milan in estate. Discorso diverso per Saponara, che è di proprietà dei rossoneri. Sperano di avere la loro chance, in quanto il tecnico Inzaghi, a parole, li stima molto. “La vita è una lotteria di inutili tragedie” dice uno dei protagonisti del film. Saponara e Van Ginkel ne hanno passate già tante, è ora di prendersi il futuro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy