DI MOLFETTA: “L’ANNO PROSSIMO ANDRO’ IN PRESTITO”

DI MOLFETTA: “L’ANNO PROSSIMO ANDRO’ IN PRESTITO”

Davide Di Molfetta
Davide Di Molfetta (fonte foto: www.acmi1899.com)
Tra i protagonisti della Primavera di Cristian Brocchi, il giovane Davide Di Molfetta oggi ha concesso una lunga intervista a “La Gazzetta dello Sport – Milano&Lombardia” tra le altre cose si è parlato del suo futuro: “Abbiamo parlato con la società e dovrei andare a giocare in prestito per farmi le ossa. Ma chissà che, giocando delle grandi Final Eight, possa far la giusta impressione sul nuovo allenatore della prima squadra. Alla fine è sempre il campo che decide”.Un commento sulla stagione fin qui, alla vigilia delle Final 8: “Mi sto preparando al meglio sia fisicamente che mentalmente. Già domani è da dentro o fuori quindi anche negli allenamenti stiamo dando tutto e forse di più. Sicuramente siamo una squadra molto giovane, era difficile arrivare qui ma ora non vogliamo accontentarci. Sono partite secche e non esistono favoriti. Posso dire che è stata una stagione positività da parte di tutti. Ho fatto il doppio dei gol rispetto all’anno scorso, anche se un anno fa avevo avuto un pò troppi infortuni. Però la reputo una stagione molto importante”.Così invece su Filippo Inzaghi e Cristian Brocchi, entrambi suoi allenatori: “Sono entrambi grandi uomini. Inzaghi è sempre molto serio e diligente, in allenamento come in partita. Brocchi ci tratta come fossimo suoi figli, ci lascia liberi di agire e di esprimerci. Con entrambi ho un rapporto di grande stima”.Per chiudere, l’esordio in Serie A, suo e di Mastalli: “Per me è come un fratello. Il giorno in cui ha esordito lui in prima squadra, Inzaghi ci aveva mandato entrambi a scaldare. Poi era rimasto un solo cambio e giustamente il mister ha chiamato lui, anche perché eravamo in dieci contro il Torino ed era giusto coprirsi di più. Ero più emozionato di lui, come lo è stato lui il giorno del mio esordio contro l’Atalanta”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy