BROCCHI A MC: “MIHAJLOVIC E MODELLO MILAN, CHE SINTONIA!”

BROCCHI A MC: “MIHAJLOVIC E MODELLO MILAN, CHE SINTONIA!”

Cristian Brocchi
Cristian Brocchi (fonte foto: pianetamilan.it)
Intervistato da Milan Channel, l’allenatore della Primavera Cristian Brocchi, ha parlato di Sinisa Mihajlovic e del suo impatto sulla prima squadra: “Ho visto le volontà dello staff di Mihajlovic e devo dire che sono molto in sintonia con quello che il Modello Milan vuole fare. Sia il mister che il suo staff mi hanno fatto una bellissima impressione, quando hai uno staff organizzato e serio che lavora su concetti simili ai tuoi non puoi che essere felice. Il fatto di avere un anno di confronto con loro fa solo che piacere. Queste sono giornate di crescita per noi, per confrontarsi con la prima squadra, poi serve ad aiutare la prima squadra ad allenarsi ad un buon livello e questo ti rende felice perché vuol dire che stai facendo un buon lavoro.”Il tecnico poi si è concentrato sull’estate dei suoi ragazzi, protagonisti di una lunga tournée estiva in Sud Africa: “Andare in Sud Africa è stata una nostra scelta, per andare a fare partite importanti con squadre che avevano iniziato già da un mese quindi era normale soffrire, ma era quello che noi volevamo per mettere subito i ragazzi in difficoltà per poi riuscire a venirne fuori. Abbiamo fatto un ottimo torneo ci siamo allenati e preparati molto bene, ora abbiamo ripreso la nostra routine a Milano e ora la speranza è di arrivare al 12 settembre in uno stato di forma ottimale.”Così sulla promettente classe dei 1998: “Il calcio è in continua evoluzione, non ti puoi mai fermare su delle idee da portare avanti per anni, bisogna sempre insegnare cose nuove ai ragazzi, la speranza è quella che i ragazzi possano crescere di anno in anno ma anche di allenamento in allenamento. Non sono preoccupato, tendo a smorzare l’entusiasmo che c’è intorno ai 98 ma non per sminuire le loro qualità che sono tante, questo gruppo è composto da tanti bravi giocatori dello stesso livello, mentre in altri gruppi invece magari c’era più divario tra i ragazzi della rosa. I 98 sono tutti ad un ottimo livello, per loro sarà un anno di transizione verso quello che sarà il vero anno della Primavera. Nelle altre squadre i 98 non fanno la Primavera, dovranno darsi da fare perché non avranno il posto assicurato e vedremo cosa sapranno fare.”Così infine su Hachim Mastour, pezzo importantissimo per la Primavera, dove dovrà rilanciarsi a grandissimi livelli: “Mastour ha dimostrato di avere un atteggiamento diverso rispetto alla scorsa stagione dove è stato un po’ sballottato, è stato uno dei migliori in assoluto in Sud Africa, soprattutto per quanto riguarda l’atteggiamento. Per diventare buoni giocatori bisogna avere qualità e grande spirito di sacrificio. Oggi ho visto un atteggiamento propositivo da parte della squadra e un’intensità già buona. Queste cose mi fanno pensare bene.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy