Milan Club Borbiago – Alla scoperta dei Milan Club d’Italia

Pianeta Milan vi porta alla scoperta dei più grandi e importanti Milan Club italiani. Oggi la tappa è a Borbiago, in provincia di Venezia…

Prosegue l’iniziativa di Pianeta Milan volta a presentarvi tutti i Milan Club più grandi e importanti d’Italia. E oggi, come ogni mercoledì della settimana, rinizia il giro delle presentazioni. Tanto che, con quello odierno, giungiamo ormai al ventiduesimo appuntamento. Oggi, dunque, vi portiamo alla scoperta del Milan Club Borbiago ‘Barbara Berlusconi’ (QUI il loro commento sulla partita Milan-Juventus), situato in provincia di Venezia. A presentarsi, in realtà, ci hanno pensato direttamente i membri del Club, che hanno risposto ad alcune nostre domande. Ecco cosa ci hanno raccontato:

Ciao! Descriveteci e parlateci un pò del vostro Club. Quando e come è nato?

Il Milan Club Borbiago “Barbara Berlusconi” è stato fondato il 2 aprile 2011 da un gruppo di grandi appassionati rossoneri locali ed è uno dei Club più giovani della regione Veneto. Organizziamo trasferte per tutte le partite a San Siro, cene per gli incontri fuori casa, tornei di calcetto per bambini, feste di tesseramento al nostro Club, di Natale e di fine stagione, con la presenza di diversi personaggi importanti provenienti dall’ambiente Milan: in questi anni abbiamo avuto l’onore di ospitare Filippo Galli, Pierino Prati, Gianni Vio (ex tecnico tattico dello Staff di Pippo Inzaghi), Luca Vido, Kingsley Boateng ed il mitico Tiziano Crudeli. Tutto ciò lo facciamo in primis per divertirci tutti insieme, sostenendo il nostro grande Milan, ma anche con scopo benefico: alla fine della stagione, infatti, il ricavato ottenuto dalle nostre iniziative, decurtato dai costi, lo devolviamo a diverse associazioni. In questi anni abbiamo sostenuto Anffas (associazione che si occupa di persone con difficoltà intellettive e/o relazionali nel nostro comune), Città della Speranza (a sostegno di bambini con tumori che si trova nella città di Padova) e CDKL5 (associazione che studia questa malattia genetica che ha tra l’altro colpito la figlia di un nostro socio).

Quanti iscritti siete e quante volte vi radunate tutti insieme? Riuscite ad andare spesso a San Siro?

Attualmente siamo un centinaio di soci e riusciamo ad organizzare le trasferte per le partite principali (Inter, Juventus, Napoli, Roma) o per le partite della domenica pomeriggio, dove cerchiamo di promuovere la voglia di seguire le partite direttamente allo stadio piuttosto che in tv ai soci più giovani, organizzando le cosiddette “Partite dei Ragazzi”. Tuttavia, negli anni passati, quando il Milan aveva un andamento migliore, abbiamo superato anche i duecento soci e le trasferte avvenivano per ogni partita a Milano e per le partite fuori casa vicine a noi (Udine, Verona, Bologna). Solitamente il direttivo si riunisce una volta a settimana, mentre con i soci ci ritroviamo negli eventi che organizziamo.

C’è qualche personaggio famoso o bizzarro all’interno del vostro Club?

All’interno del nostro Club non c’è un solo socio bizzarro, lo siamo tutti quanti: chi più, chi meno. D’altronde per tifare una squadra così bisogna esserlo, no? Soprattutto visti i risultati attuali…

Avete qualche aneddoto particolare, avvenuto nel vostro Club, da raccontarci?

Si, nell’ultima festa di Natale dove avevamo come ospite Luca Vido ed il suo papà. Come ormai da tradizione, ad ogni nostro evento, organizziamo una lotteria a tema rossonero con prodotti del Milan e non. Un premio era un gel per capelli. Chi può averlo vinto? Il papà di Vido. Fino a qui nulla di strano, se non fosse che questo signore è pelato. Lascio immaginare a voi le risate!

Quali, secondo voi, sono stati i problemi del Milan di questa stagione? 

I problemi del Milan purtroppo non sono solo in questa stagione, ma ormai vanno avanti da anni. Sicuramente il fulcro di questa crisi è la società: basta osservare l’ultimo episodio, l’esonero di Mihajlovic. E per cosa poi? Per aver perso contro la Juventus? Riflettiamoci, non ha senso. Nessuna società seria esonera 5 allenatori in 27 mesi. Il secondo problema è la squadra: non abbiamo abbastanza qualità e quella poca che abbiamo la spremiamo talmente tanto da portarla all’esaurimento. Ovviamente anche questo per colpa della società: non si può pensare di voler arrivare al terzo posto acquistando praticamente solo parametri zero (facciamo attenzione che non si prefiggono l’obiettivo dello scudetto ma del terzo posto. Mah, forse non si ricordano che siamo il Milan!). I giocatori di per sé hanno poche colpe. Certo, qualcuno non ci mette l’impegno che dovrebbe ma la maggior parte ci prova a fare qualcosa di buono, anche se non basta. La soluzione è che il presidente torni ad investire oppure che si metta una mano sulla coscienza e venda una volta per tutte.

 

Queste tutte le puntate precedenti:

– Milan Club ‘Rino Gattuso’ – Corigliano Calabro

 Milan Club Venosa 2.0

– Milan Club Gallipoli

 Milan Club Ringhio D’Abruzzo – Francavilla al Mare

 Milan Club Campobasso

Milan Club ‘Pippo Inzaghi’ – Gravina in Puglia

Milan Club Alife

Onda Rossonera – Milan Club Novara

Milan Club Margherita

Milan Club Benevento

Milan Club Monasterace “original”

Milan Club Castrovillari

Milan Club Ariano Irpino

Milan Club Sassari ‘Franco Baresi’

Milan Club Campodarsego

Milan Club Angri ‘Nereo Rocco’

Milan Club Fiavè Alto Garda

Milan Club Fabriano

Milan Club Isola d’Ischia

Milan Club Macerata ‘Antonio Bonaduce’

Milan Club Sassari ‘Barbara Berlusconi’

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy