VERSO MILAN-INTER, BALLOTTAGGIO VAN GINKEL-BONAVENTURA

VERSO MILAN-INTER, BALLOTTAGGIO VAN GINKEL-BONAVENTURA

Van Ginkel probabile titolare nel derby (fonte foto: ivm.ilcalciomagazine.it)
Van Ginkel probabile titolare nel derby (fonte foto: ivm.ilcalciomagazine.it)
Meno di una settimana alla grande sfida. Ancora qualche giorno per recuperare i reduci dagli impegni delle rispettive Nazionali, recuperare una forma fisica decente, e sciogliere gli ultimi dubbi. Poi sarà derby: dopo Italia-Croazia, ‘San Siro’ ospiterà uno dei Milan-Inter più attesi degli anni recenti. Lo aspetta con ansia il Milan, desideroso di rilanciassi definitivamente in campionato dopo la buona prestazione offerta a Genova in casa della Sampdoria; lo attendono anche i nerazzurri,che proprio in occasione della stracittadina inaugureranno la seconda era Mancini.In casa rossonera, Inzaghi avrà però qualche grattacapo per decidere la formazione che scenderà in campo dal 1′. Unico settore, infatti, con problemi di abbondanza è l’attacco, dove sembrano sicuri di una maglia Torres ed El Shaarawy, certi della panchina Pazzini e Niang, ed in lotta per un posto gli stanchi e fuori forma Ménez e Honda. In difesa, si va verso la conferma di Mexes al centro al fianco di Rami, salvo recupero in extremis di Alex, e sarà con tutta probabilità concessa una chance a sinistra ad Armero, vista l’indisponibilità di Abate.Grossi dubbi aleggiano sul centrocampo. Muntari è a rischio, De Jong, l’uomo che ha deciso l’ultimo derby, è quasi ufficialmente fuori causa. Inzaghi ha sul tavolo due carte, due possibilità, una duplice scelta di qualità: una porta al regista olandese Marco Van Ginkel, l’altra ha l’italianissimo volto di Giacomo ‘Jack’ Bonaventura. Per ragioni meramente tattiche, l’ex Chelsea appare leggermente in vantaggio sul collega: naturale sostituto di De Jong nel ruolo, il 22enne Van Ginkel ha tanta voglia di giocare, e di mettersi in gioco nel nostro paese, dopo la mezz’ora scarsa disputata finora in campionato ad Empoli. Frenato da un fastidioso infortunio, è finalmente pronto per dimostrare tutto il suo talento: il derby rappresenterebbe per lui una grande occasione, anche perché il rientro di Montolivo è vicino e, forse, più in avanti gli spazi potrebbero ulteriormente restringersi.Dal canto suo, qualora dovesse scegliere invece di impiegare titolare Bonaventura, Inzaghi sposterebbe Essien al centro, lanciando il jolly ‘Jack’ nel ruolo di mezz’ala sinistra. Posizione, questa, che il numero 28 ha già ricoperto con dedizione, abnegazione ed ottimo profitto. Il suo utilizzo consentirebbe al tecnico piacentino di aggiungere un’altra arma al proprio arsenale, considerato il fiuto del gol di Bonaventura; inoltre, la sua duttilità permetterebbe di cambiare modulo in corsa senza dover necessariamente ‘bruciare’ un cambio. Come sovente accaduto in questi mesi, infatti, semplicemente avanzandolo di 20 metri, il Milan può passare dal canonico 4-3-3 all’altrettanto consueto 4-2-3-1, per valorizzare al meglio gli inserimenti dei trequartisti e l’ariete Torres.Tanto dipenderà anche dal loro stato di forma, e da quanto faranno vedere in allenamento ad Inzaghi in questa settimana. Magari, perché no, domenica proprio uno di loro due potrebbe rivelarsi, a sorpresa, “man of the match”. Daniele Triolo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy