TRA TATTICA E MERCATO: ECCO COME CERCI AIUTA EL SHAARAWY

TRA TATTICA E MERCATO: ECCO COME CERCI AIUTA EL SHAARAWY

Stephan El Shaarawy (Fonte foto: www.goal.com)
Stephan El Shaarawy (Fonte foto: www.goal.com)
Le ultime settimane non sono state facile per Stephan El Shaarawy. L’attaccante rossonero è passato da titolare fisso a panchinaro di lusso e il suo nome è tornato ad agitare il mercato. Filippo Inzaghi anche ieri ha ribadito di avere piena fiducia nel suo giocatore e di volerselo tenere stretto e che crede ancora in lui. In questo le parole di ieri, in conferenza stampa, hanno mandato un segnale inequivocabile, adesso però devono seguire i fatti e in questo senso l’arrivo a Milanello di Alessio Cerci potrebbe fare il gioco del “Faraone”.Inzaghi infatti nelle ultime uscite era passato al 4-3-2-1 di ancelottiana memoria, un modulo poco adatto a Stephan che infatti ha guardato dalla panchina le gare contro Napoli e Roma e il Milan non aveva certo sentito la sua mancanza, anzi, si è regalato le due migliori prestazioni dell’anno. Non contento poi Inzaghi aveva parlato, poco prima di Natale, di un possibile ritorno al 4-3-1-2 modulo non certo ideale per El Shaarawy. Adesso però le cose sembrano essere destinate a cambiare, con Cerci a Milanello si tornerà a masticare pane e 4-3-3 e se Menez prima punta è una certezza, altrettanto certe sembrano le ali che dovrebbero essere proprio Cerci ed El Shaarawy, con Bonaventura che tornerà sulla linea di centrocampo, in un ruolo che ha dimostrato di saper interpretare alla grande.Il Milan e Inzaghi insomma hanno deciso di puntare, di nuovo, sul numero 92, ma con una differenza sostanziale rispetto al passato: o sarà rilancio, oppure cessione. I rossoneri si augurano la prima ipotesi perchè il talento e l’attaccamento ai colori del “Faraone” sono doti rarissime, ma in via Aldo Rossi il bilancio ha sempre la precedenza e il Milan non si può più permettere di svalutare un asset così importante.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy