TORNA BONERA: IL MILAN HA UN TERZINO DI RUOLO, MA I DUBBI RESTANO…

TORNA BONERA: IL MILAN HA UN TERZINO DI RUOLO, MA I DUBBI RESTANO…

Daniele Bonera
Daniele Bonera, difensore rossonero (http://www.calcionews24.com/)
Nella delicata sfida di domenica pomeriggio contro un Cesena rinvigorito dal pareggio casalingo con la Juventus, sembra quasi certo l’impiego dal primo minuto di Daniele Bonera. Il quasi trentaquattrenne giocatore bresciano (in scadenza di contratto a fine stagione) appare favorito per una maglia da titolare come terzino destro. L’ultima apparizione del numero 25 risale alla partita casalinga persa dal Milan  contro l’Atalanta, che, oltre a segnare la seconda sconfitta di fila tra le mura amiche, ha determinato l’insorgere di un problema al bicipite femorale che lo ha tenuto fermo fino ad oggi.Davvero strano il destino, in questa stagione, degli occupanti della fascia destra di difesa: il buon avvio di campionato di Ignazio Abate (insieme a quello di tutta la squadra) aveva fatto pensare che il ruolo potesse ritenersi stabilmente occupato, con il contestuale dirottamento di De Sciglio sulla sinistra. I problemi fisici di entrambi i giocatori (lo stesso De Sciglio, peraltro, non si sbilancia sui tempi di recupero) hanno costretto Inzaghi a molteplici esperimenti più o meno riusciti: Bonera prima, Zaccardo poi, Rami nell’ultima giornata di campionato. Appurato che lo spostamento di Rami sulla destra è apparsa la scelta meno azzeccata (velocità, inserimenti senza palla e precisione nel passaggio non sembrano davvero le sue doti migliori) e che Zaccardo, da sempre, nelle gerarchie di Inzaghi , assume la forma della carta della “disperazione”, Bonera sembra il miglior candidato. Certamente più terzino di Rami e più abile nelle chiusure di Zaccardo, questi elementi dovrebbero dare compattezza ad un reparto in costante sofferenza nelle ultime uscite.Il problema vero è che il suo utilizzo si inserisce in un contesto in cui la coppia centrale inedita sarà composta da Rami e Bocchetti, non proprio uno scenario che permetta di far dormire sonni tranquilli. Peraltro la cosiddetta “componente ambientale”, ossia la prevedibile aria di contestazione sugli spalti, rischia di far perdere, anche ad un giocatore esperto come Bonera (non proprio esente da svarioni in questa stagione), quel minimo di tranquillità necessaria ai fini di una dignitosa prestazione.La perfetta analisi psicologica proposta da mister Sarri domenica scorsa (“Dopo il pareggio ho visto un Milan in panico”) rispetto alle paure, alle insicurezze che bloccherebbero gambe e menti dei giocatori del Milan, risuona ancora negli orecchi di tutti i tifosi. Tocca a quelli come Bonera suonare la carica, se ne sono capaci…..Ora o mai più.Matteo Forner

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy