STADIO: I MODELLI VINCENTI A CUI SI E’ ISPIRATO IL MILAN

STADIO: I MODELLI VINCENTI A CUI SI E’ ISPIRATO IL MILAN

Il progetto del nuovo stadio rossonero (fonte foto: acmilan.com)
Il progetto del nuovo stadio rossonero (fonte foto: acmilan.com)
Il progetto del nuovo Stadio del Milan va avanti, e procede a passo svelto dopo l’ok ricevuto da Fondazione Fiera Milano per la realizzazione del nuovo impianto rossonero in zona Portello, a due passi da Casa Milan e dallo stadio di San San Siro. Non sarà facile, ma chi bene inizia è alla metà dell’opera. Resta da convincere il Comune meneghino che deve dare il nulla a osta per l’inizio dei lavori.Sono tre gli impianti europei che hanno principalmente ispirato il progetto del Milan, tutti stadi cittadini, due notevolmente più grandi di quello che sarà la futura casa rossonera, e uno invece in linea con l’idea milanista di stadio del futuro.
Emirates Stadium, casa dell'Arsenal - fonte www.dailymail.co.uk
Emirates Stadium, casa dell’Arsenal – fonte www.dailymail.co.uk
EMIRATES STADIUM – 60.338 spettatori, con 490 milioni di euro di spesa. Lasciare la storica casa di Highbury non era facile per i tifosi, ma l’Arsenal è riuscito in questa grande impresa realizzando lo stadio dei sogni, indicato dall’UEFA addirittura come il modello di riferimento per tutti gli impianti europei. Costi elevatissimi, ma risultato straordinario: il complesso, realizzato in vetro e acciaio, già dall’esterno riesce a strabiliare gli spettatori, ben convogliati alla struttura esclusivamente per vie pedonali (con questa finalità sono state predisposte efficienti linee di superficie e di metropolitana per accedervi), e la copertura delle tribune, in vetro ondulato, conferisce un aspetto moderno e leggero alla struttura. Intorno allo stadio poi si sviluppa una zona riqualificata nella quale trovano spazio residenze di lusso ed attività commerciali, situate anche all’interno dell’edificio sportivo assieme a numerosi bar e ristoranti. Virtuosa anche la gestione dei terreni dell’Highbury, nel quale sono stati erette abitazioni a basso costo che hanno garantito un buon guadagno al club e grandi premi e plausi da parte di Londra e dell’UEFA. Parlando di incassi poi, l’Arsenal ha conosciuto grazie all’Emirates uno sviluppo impressionante: tra i guadagni per gli sponsor e per le attività commerciali di vario tipo (lo stadio è aperto anche quando non ci sono partite), e per la vendita dei biglietti/abbonamenti, i Gunners guadagnano oltre 110 milioni di euro, con la straordinaria media di oltre un milione di euro a partita. Innovazione e marketing: difficile non considerare questo impianto come il top europeo di categoria.
Esterno Stamford Bridge, fonte foto telegraph.co.uk
Esterno Stamford Bridge, fonte foto telegraph.co.uk
STAMFORD BRIDGE – 41837 spettatori. È lo stadio di proprietà del Chelsea, dove il club disputa le proprie partite casalinghe. Lo Stamford Bridge ha rappresentato lo stadio calcistico più grande di Londra sino all’inaugurazione dell’Emirates Stadium, nuova casa dei rivali dell’Arsenal. L’attuale proprietario del Chelsea Roman Abramovič decise di acquistare la società solo dopo aver visionato (e apprezzato) l’impianto dall’alto del proprio elicottero. Una volta acquisita la società londinese, il magnate russo si è prodigato a circondare la struttura con altri edifici utili dal punto di vista turistico, quali due hotel a quattro stelle, alcuni bar, tre ristoranti, un palazzo per le conferenze, il museo e il negozio ufficiale del club, parcheggi sotterranei e un centro benessere. Il club vorrebbe aumentare la capienza dello stadio, ma la cosa è resa difficile dalla zona in cui l’impianto è posto, ossia nel mezzo di un’area nevralgica della capitale, e non sono ancora state trovate soluzioni ritenute valide.
Allianz Arena, casa del Bayern Monaco - fonte www.picturescollections.com
Allianz Arena, casa del Bayern Monaco – fonte www.picturescollections.com
ALLIANZ ARENA – 71.137 spettatori, 350 milioni di euro di spesa. Il primo vero stadio moderno d’Europa, fiore all’occhiello del Bayern Monaco e dell’intera Bundesliga, l’Allianz Arena deve il nome all’omonima finanziaria che ha finanziato la monumentale opera, garantendosi così di figurare come detentrice dei diritti nominali sull’impianto per trent’anni (anche se nelle competizioni internazionali come Champions ed Europa League lo stadio dev’essere chiamato Fußball Arena München). Struttura in cemento armato (l’edificio si sviluppa su ben 7 livelli tra tribune, servizi d’accoglienza VIP, attività commerciali e parcheggi), la particolarità però è data dalla copertura: realizzata con una maglia metallica a traliccio e un sistema di cuscini pneumatici a membrana trasparente, la facciata (che copre tutto l’esterno dello stadio) è dotata di un sistema di illuminazione artificiale che permette di dare una colorazione differente a seconda della partita (con la bandiera della Germania per la Nazionale tedesca, rossa per il Bayern e blu per il Monaco 1860, altra squadra della città) e, recentemente, anche di trasmettere alcune immagini. Per quanto riguarda il fattore marketing, l’attenzione non è stata focalizzata solo sul museo o sulle attività commerciali e di ristorazione presenti all’interno dello stadio: sono numerose infatti gli spazi indipendenti alle manifestazioni sportive dedicate al tempo libero, ai bambini, ai ristoranti o alle sale conferenze, che possono così essere attive 7 giorni su 7, garantendo al club bavarese un flusso continuo di introiti. Un’altra particolarità di questo impianto è certamente data dalla presenza del più grande parcheggio coperto d’Europa: ben 270.000 metri quadri dedicati a questo scopo. Nonostante questa ottima predisposizione per il traffico automobilistico però, lo stadio è anche ben servito dai mezzi pubblici ed è facilmente raggiungibile in metropolitana. Impressionante per quanto riguarda i ricavi l’apporto dato da questo impianto alle casse del Bayern: oltre 140 milioni di euro l’anno di guadagni, una cifra ineguagliabile e non ancora raggiunta da nessun altro club in Europa.Aspettando il parere del Comune, il Milan sogna: un nuovo impianto, con entrate notevoli e pensieri da grande squadra. Per tornare ad esserlo al passo con i tempi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy