ROSE 2015/16: TRA NUOVE REGOLE E MERCATO, ECCO LA SITUAZIONE DELLA SERIE A

ROSE 2015/16: TRA NUOVE REGOLE E MERCATO, ECCO LA SITUAZIONE DELLA SERIE A

Serie A Tim (Fonte: www.centrometeoitaliano.it)
Serie A Tim (Fonte: www.centrometeoitaliano.it)
Nuove rose, nuove regole e una stagione alle porte. Le novità saranno tante, oltre che nei nomi ma anche nelle norme che regolano acquisti, cessioni, tesseramenti e licenziamenti. E’ una Serie A che cambia quella che tra meno di un mese partirà, figlia di un calendario appena nato e di nuove regolamentazioni ancora da digerire.NUOVE REGOLE, NUOVE ROSE – Come analizzato da Eurosport, le squadre della Serie A stanno pian piano adeguandosi a quello che il nuovo regolamento prevede in termini di rose e tesseramenti. Tante quindi le novità e tralasciando la tecnologia che dovrebbe evitare i famosi gol fantasma, i cambiamenti saranno principalmente due. Innanzitutto l’obbligatorietà di ogni squadra a comunicare alla Federazione una rosa di massimo 25 giocatori (modificabili solo per infortuni gravi), e come seconda cosa, non meno importante, che almeno 8 di essi siano formati in Italia, cioè calciatori di qualsiasi nazionalità, tra i 15 e i 21 anni, tesserati da un club italiano per almeno 36 mesi anche non consecutivi o per tre stagioni. Regole volute dalla Figc per allinearsi agli altri grandi campionati europei oltre che favorire il calcio giovanile e la valorizzazione dei giovani. Le limitazioni, non applicabili ai ragazzi con età inferiore ai 21 anni sono un esempio in tal senso: chi avrà necessità di avere una rosa particolarmente ampia dovrà, gioco forza, tesserare giocatori di massimo 21 anni.LA SITUAZIONE – Ogni società di club sta cercando di adeguarsi alla normativa. Se oggi il mercato finisse, tutte le società riuscirebbero ad avere gli 8 giocatori formati in Italia. Il problema sarebbe rappresentato dalle rose, ancora troppo extra large rispetto alla numerazione obbligatoria. Certo, il tempo c’è, il mercato è ancora lungo, ma ci sono squadre che stanno avendo maggiori difficoltà a rispettare le limitazioni, come ad esempio Lazio, Napoli, Inter, Fiorentina e Roma. Eccezione il Sassuolo: 27 giocatori tesserati e 27 formati calcisticamente in Italia.E I ROSSONERI? – Il Milan ad esempio, non avrà problemi a rispettare la doppia norma. I giocatori rossoneri formati in Italia sono attualmente 17 mentre i giocatori in rosa sono 31 ma in veloce trasformazione. Dal mercato dovrebbero arrivare altri 2/3 elementi; considerando che Donnarumma, Calabria, Josè Mauri e anche l’obiettivo Romagnoli sono under 21, gli esuberi sarebbero circa 4 o 5. Chi dovrà partire, quindi,  sarà chi già da tempo è sul piede di partenza, cioè Agazzi, Albertazzi, Zaccardo, Nocerino, Matri e Verdi.Insieme alla Juventus, dunque, il Milan non soffrirà questo cambiamento, anzi. Potrebbe sfruttare questi tagli obbligati per togliersi di dosso zavorre o giocatori ormai fuori dal progetto e concentrarsi su calciatori funzionali alle nuove idee di calcio che Sinisa Mihajlovic ha in mente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy