PM – MILAN, LOTTA A DUE CINESI-THAILANDESI. MA UNA GRANDE DIFFERENZA

PM – MILAN, LOTTA A DUE CINESI-THAILANDESI. MA UNA GRANDE DIFFERENZA

Bee Taechaubol, fonte foto eurosport.yahoo.com
Bee Taechaubol, fonte foto eurosport.yahoo.com
La vita ti porta spesso a fare delle scelte. Talvolta obbligate, con le circostanze che ti portano anche a prendere decisioni difficili. Questo sta succedendo al presidente del Milan Silvio Berlusconi.Cedere il giocattolo Milan o tenere la maggioranza ma vendere alcune quote della società? Questione dura da sbrogliare.Da una parte la figlia Barbara, che sarebbe propensa per la seconda ipotesi, dall’altra Marina che vorrebbe cedere tutto il pacchetto azionario. Di fronte due offerte importanti, quella thailandese e quella cinese. Il tutto contro il poco. E qui sta la grande differenza.Mister B, o Mister Miliardo che dir si voglia, tal Bee Taechaubol, il thailandese che avrebbe offerto (?) un miliardo di euro per avere tutto e subito. Wang Jianlin, patrimonio infinito, oltre 10 miliardi, che dopo averci provato con la Roma, tenta di entrare nel Milan con una quota da 200-300 milioni, senza parlare dell’interesse per il progetto del nuovo stadio. Più affidabile il secondo, più conosciuto, più sicurezza economica. Il neo proprietario di Infronts Sports, infatti, non sembra essere un bluff, come invece sembra esserlo l’ingegnere thailandese. Fatto sta che anche Fininvest smentisce ogni ipotesi di cessione.Materia ingarbugliata, questa. Piccoli equilibri societari che possono scombinarsi da un momento all’altro. E tutto questo non è aiutato dai pessimi risultati della squadra sul campo, dalle polemiche sui presunti torti arbitrali, dalle diverse filosofie dei due Ad attualmente in carica. Polveriera Milan, si potrebbe dire. E in cima a tutto questo, il Presidente cosa farà? I tifosi premono, la pazienza è finita. Che sia alle porte un cambiamento epocale? 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy