Milan, pari a Parma: per la Champions serve di più

Milan, pari a Parma: per la Champions serve di più

Un pareggio che non può rendere felici i rossoneri quello contro i ducali. Ennesima occasione sprecata per un Milan a caccia dell’Europa.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – Non può andar bene così, non può bastare così, non può essere la norma e non si può far finta di niente. Oggi i rossoneri avrebbero potuto e dovuto quasi mettere un lucchetto sul quarto posto battendo il Parma. Considerando anche gli impegni delle avversarie, i rossoneri avrebbero dovuto aggredire la partita fin dal primo minuto per fare di tutto a portare a casa i tre punti.

Invece anche stavolta il Milan è sceso in campo quasi molle, impaurito, come se avesse paura di fallire. Fallimento puntualmente arrivato. Chi si aspettava una squadra pronta ad aggredire l’avversario, come tra l’altro aveva detto di augurarsi anche Gennaro Gattuso, è rimasto negativamente sorpreso. I giocatori rossoneri hanno ottenuto solo un pareggio, tra l’altro maturato nel secondo tempo solo dopo che Rino ha provato a sparigliare con diversi cambi molto offensivi.

C’è da dire che il Parma ha difeso praticamente con undici uomini dietro la linea del pallone, pronto a ripartire con i velocisti davanti. Ma con il pallone tra i piedi i rossoneri hanno avuto pochissime idee, pochissime capacità di sviluppo. Krzysztof Piatek è rimasto ancora una volta troppo solo davanti e solo nel secondo tempo con il cambio di modulo le cose sono migliorate.

A cinque giornate dalla fine, a prescindere da come andranno le gare delle dirette concorrenti, i rossoneri non possono pensare di continuare fino alla fine con questo spirito. Alla prossima ci sarà un’altra trasferta e un altro potenziale scontro diretto. Lo spirito e la mentalità dovranno essere molto diversi da quelli visti finora in questo tipo di gare.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy