MILAN, TUTTI CONVINTI: SARA’ 433. MA SIAMO SICURI? LE IPOTESI TATTICHE

MILAN, TUTTI CONVINTI: SARA’ 433. MA SIAMO SICURI? LE IPOTESI TATTICHE

Fonte foto: sport.sky.it
Fonte foto: sport.sky.it
Tutti convinti: Sinisa Mihajlovic adotterà il 4-3-3, dando continuità al progetto tattico portato avanti finora da Allegri prima e Inzaghi poi. Solo Seedorf se n’è discostato. L’ex allenatore della Samp ha già utilizzato questo modulo, con ottimi risultati e a detta di tutti lo riproporrà. Il Milan del domani (con i giocatori di oggi, attualmente in rosa) potrebbe essere così:(433) Diego Lopez; Abate, Alex, Paletta, Antonelli; Poli, Montolivo, Bonaventura; Ibrahimovic, Jackson Martinez, El Shaarawy. Ma siamo così sicuri? Dato per scontato che Jackson Martinez e Ibrahimovic arriveranno entrambi, i due – per quanto mobili possano essere – non potranno mai ricoprire il ruolo di esterno classico. Più facile invece che con loro ci sia un attacco a due e un trequartista. La logica imporrebbe questa scelta, che per altro è anche – guarda caso – la preferita del presidente.(4312): Diego Lopez; Abate, Alex, Paletta, Antonelli; Poli, Montolivo, Bonaventura; Menez, Ibrahimovic, Jackson Martinez. Stiamo volando con la fantasia, per cui tutto è lecito. Al posto di Menez ci potrebbe anche essere uno tra Honda, El Shaarawy e Suso. Due, però, i dubbi: la presenza massiccia di esterni e trequartisti in rosa per un solo posto nell’undici titolare e la mancanza pressochè totale al momento di scelte a centrocampo. Giocando a tre in mediana, il Milan dovrebbe avere almeno 6 centrocampisti da far ruotare. E ad oggi, di confermati ci sono solo Montolivo, Poli e il jolly Bonaventura.Quindi, che fare? Sul piatto c’è anche l’idea di un 4231 che abbia meno centrocampisti in rosa e che valorizzi esterni, fantasisti e la punta centrale, con Ibra possibile rifinitore di peso. Quindi: (4231) Diego Lopez; Abate, Alex, Paletta, Antonelli; Poli, Montolivo; Bonaventura; Ibrahimovic, El Shaarawy; Jackson Martinez. In questo caso, il vantaggio sono i ricambi sulla trequarti: Cerci, Suso, Honda, Menez e, perchè no, anche Mastour.  Sempre che restino tutti. Difficile.Ma se anche questa formazione non vi convince, ci possiamo giocare il jolly. Un classico 442, di grande spinta e qualità, dove tutti o quasi i giocatori in rosa sarebbe sfruttati ed esaltati. Mihajlovic potrebbe concretizzare il grande sogno di Antonio Conte (ricordate il 424?). E allora: (442) Diego Lopez; Abate, Alex, Paletta, Antonelli; Bonaventura, Poli, Montolivo, Cerci; Ibrahimovic, Jackson Martinez.In questo caso Menez potrebbe essere la seconda punta perfetta e Niang il rincalzo ideale, mobile tanto quanto Ibra e JM. Bonaventura e Cerci, che hanno già fatto gli esterni in carriera, potrebbero ritornarci in pianta stabile. E magari anche El Shaarawy, che nel 352 di Conte in Nazionale già copre tutta la fascia. Anche Suso potrebbe adattarsi bene, meno forse Honda. In mezzo al campo, invece, si ridurrebbero le spese con quatto centrali totali (due titolari, due riserve) invece di sei giocatori in rosa. Meno quantità, più qualità (anche negli acquisti).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy