MILAN: TORRES-PAZZINI, CON L’EMPOLI SI PUO’

MILAN: TORRES-PAZZINI, CON L’EMPOLI SI PUO’

Giampaolo Pazzini - fonte www.ilrestodelcarlino.it
Giampaolo Pazzini – fonte www.ilrestodelcarlino.it
Se si vuole salvare qualcosa della partita giocata sabato sera con la Juventus bisogna andare a rivedere gli ultimi quindici minuti di gioco. Dopo avere subito la rete bianconera, Mister Inzaghi ha inserito sia Torres che Pazzini con Menez alle loro spalle ad innescarli. La squadra rossonera ha alzato il baricentro del gioco creando qualche problema alla difesa bianconera. È la linea sposata dal Presidente Berlusconi, sempre fautore di un atteggiamento offensivo con due attaccanti a ridosso dell’area avversaria.Probabilmente non sarebbe servito questo atteggiamento tattico per portare a casa un risultato positivo, ma contro squadre più deboli e alla portata dei rossoneri diventerà indispensabile mantenere maggiormente il possesso palla, costringere gli altri ad abbassarsi fino all’area di rigore. Qui la presenza di due attaccanti e due esterni veloci può consentire di creare occasioni senza affidarsi solo al contropiede. Inzaghi dovrà fare quello che Seedorf non ha mai provato, gli uomini a disposizione per intraprendere questa strada ci sono, non mancherà sicuramente il via libera societario, vale la pena provare magari già dalla trasferta di Empoli martedì.Trasferta fondamentale per rimanere agganciati alla vetta, non disperdere l’entusiasmo dei tifosi ed inserire i nuovi acquisti Torres, Van Ginkel, Armero e Bonaventura, perché oltre agli infortunati Alex e Diego Lopez nessuno di loro è mai partito da titolare sinora, a parte Jack contro il Parma. Difficile colmare le distanze con la stessa squadra che ha fallito lo scorso anno e la sola aggiunta dell’ottimo Menez. Molto lavoro attende mister Inzaghi, ora oltre lo spirito positivo serve un gioco più coraggioso. Chissà che quei pochi minuti finali abbiano segnato la strada del nuovo Milan.Stefano Cocozza

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy