MILAN, SOGNO O SON DESTRO. PERCHE’ UN ALTRO ATTACCANTE?

MILAN, SOGNO O SON DESTRO. PERCHE’ UN ALTRO ATTACCANTE?

Mattia Destro (fonte foto: www.corrieregiallorosso.com)
Mattia Destro (fonte foto: www.corrieregiallorosso.com)
Che al presidente piaccia non è ormai più un mistero. Ma da qui ad essere il super colpo del mercato di gennaio ce ne passa.Mattia Destro divide i tifosi rossoneri, su chi lo vuole e chi non lo reputa utile al progetto di Inzaghi e su chi invece le definisce come un perfetto terminale offensivo.Il presidente Berlusconi lo porterebbe volentieri a Milanello, anzi, avrebbe già dato il suo avallo all’operazione. Ma le considerazioni che tutte le componenti della dirigenza rossonera stanno facendo, sono molte, e non tutte portano alla buona conclusione di questa operazione.L’arrivo di Destro, infatti, darebbe al Milan un ottimo attaccante, ma forse non un top player, non un Ibrahimovic, capace cioè di spostare gli equilibri. Spendere così tanto, in questo momento così difficile, e soprattutto in un momento in cui la squadra non ha problemi in attacco ma in altri ruoli, dovrebbe far riflettere.Tutto sommato, infatti, il Milan i suoi gol li ha fatti, inventandosi un Menez prima punta, prolifico come non mai. L’arrivo di Destro potrebbe rompere questo fragile equilibrio offensivo, con il relativo spostamento del francese o sull’esterno o immediatamente dietro all’italiano. Quindi, un cambio di modulo. Che fino ad ora non sembra essere gradito da Inzaghi.Per Destro la Roma vuole 20 milioni, forse troppi, ma il Milan continua a provarci. Sta facendo bene? A rigor di logica, qualche dubbio sorge. I problemi rossoneri sono innanzitutto in mezzo al campo e sulle corsie esterne di difesa. Inzaghi vuole un terzino sinistro, si è tanto parlato di Pasqual o di Vangioni, ora spunta Siqueira. Ma i tifosi forse chiedono altro.Come a centrocampo. Van Ginkel sembra destinato a tornare al mittente, Essien non convince, Montolivo è una mezzala, non un playmaker. Forse è qui che si dovrebbero concentrare gli sforzi di Galliani. Trovare il giusto erede di Pirlo, un giocatore che abbini tecnica e bravura tattica, che si prenda la squadra sulle spalle.  Un profilo difficile da scovare. Dalla Russia dicono che potrebbe essere Witsel, un giocatore però con caratteristiche diverse, a meno che non si voglia dirottare il Monto a fare il centrale.Qual è il motivo dunque dell’acquisto di un altro attaccante? Menez e Pazzini non bastano? Per la dirigenza forse no, per i tifosi e l’opinione generale, servirebbe altro. Dov’è la verità? L’ideale sarebbe prendere un giocatore per ruolo, rinforzare la rosa in ogni aspetto, tipo con Santon, Witsel e Destro. Ma forse ora si sta sconfinando nel fantamercato. Il tifoso rossonero aspetta…i giorni del Condor dovranno pure arrivare prima o poi….

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy