MILAN, POST-INZAGHI: TRA MONTELLA E INZAGHI SPUNTA UN BIG A SORPRESA

MILAN, POST-INZAGHI: TRA MONTELLA E INZAGHI SPUNTA UN BIG A SORPRESA

stopandgoal.net
stopandgoal.net
Inzaghi via, anzi no Inzaghi resta. Ma no, contro il Cesena si giocherà la panchina, o forse no. Dubbi, tanti dubbi. Tanta incertezza. Condita da tentazioni, anche importanti. Perchè la panchina del Milan è difficile da gestire, ma il suo prestigio è ancora intatto.In estate per il dopo-Seedorf, si era parlato del portoghese Jesus o dell’ancora juventino Conte, ma poi la proprietà rossonera ha ripiegato sulla soluzione interna, forse per i costi, forse per una speranza. Che ora si sta però affievolendo. Troppi summit ad Arcore, troppe visite a Milanello, a testimonianza che c’è preoccupazione. Ma quello che trapela è incertezza nel futuro.E se davvero dovesse saltare Inzaghi? Tutti parlano di Montella, del suo gioco spumeggiante che tanto piace a Berlusconi, anzi a Firenze già sembrano rassegnati all’addio e pensano a Di Francesco. Ma l’ex attaccante di Empoli, Samp e Roma, non è l’unico che potrebbe sedersi, sicuramente non subito, ma a luglio, sulla panchina del Milan.Voci odierne, rilanciate dal quotidiano TuttoSport, parlano di un Milan interessatissimo al focoso tecnico del Borussia Dortmund, Jürgen Klopp, che potrebbe rappresentare l’ideale per rilanciarsi e cominciare un nuovo ciclo. Perchè questo vorrebbe la dirigenza di Via Aldo Rossi. Una ventata di novità. Quella che Inzaghi non è riuscito ad assicurare.Klopp è un tecnico molto particolare, dalle idee tutte sue e spesso controcorrente. Ma anche qui l’idea di portarlo in Italia sembra difficile dal realizzarsi: il tecnico tedesco ha molto appeal all’estero, dove viene apprezzato per aver ricostruito e riportato in alto il Borussia Dortmund dopo anni di anonimato, con giocatori spesso allevati e cresciuti in casa, oppure presi a poco e rivenduti a molto. Il tecnico ideale quindi, nonostante quest’ultima stagione negativa, ma che ci può stare alla fine di un ciclo.La pista Klopp per il Milan, dunque, si apre: Berlusconi non è nuovo a colpi del genere e anche se il futuro di Klopp non sarà Milano, quasi sicuramente anche il futuro di Inzaghi sarà lontano dalla città meneghina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy