MILAN, INVOLUZIONE COSTANTE DI SQUADRA E SINGOLI

MILAN, INVOLUZIONE COSTANTE DI SQUADRA E SINGOLI

Filippo Inzaghi, allenatore Milan
Filippo Inzaghi (fonte foto: www.giornalettismo.com)
Il pareggio di Cagliari conferma i segnali negativi che si erano iniziati a vedere nel turno precedente contro la Fiorentina. Se, alla luce della classifica e di quanto visto sul terreno di gioco del Sant’Elia, si potrebbe parlare di punto guadagnato, non bisogna sottovalutare i segnali negativi che stanno arrivando copiosi in casa rossonera nelle ultime partite.L’involuzione della squadra, sia dal punto di vista del gioco che della condizione fisica, sembra ormai essere evidente; urge quindi porre rimedio in tempi rapidi per evitare di perdere altro terreno che poi, a fine stagione, potrebbe rivelarsi decisivo nella corsa alle posizioni di vertice. Il Milan sembra quindi aver perso la grinta, l’entusiamo e la corsa delle prime partite; la manovra ariosa e frizzante vista, seppur a tratti, fino alla vittoriosa trasferta di Verona non c’é piú. La logica conseguenza é una squadra lenta ed involuta che fatica a creare gioco e, soprattutto, occasioni da gol: appena 6 tiri in porta (di cui la maggior parte innocui ed uno, per sua stessa ammissione, non voluto da Jack Bonaventura) nella ultime due partite rappresentato un dato su cui riflettere e a cui diventa fondamentale porre rimedio.Una squadra non tecnicamente eccelsa, com’é il Milan di quest’anno, ha bisogno di intensitá e di ritmi alti per essere competitiva. I rossoneri, invece, vanno spesso sotto ritmo finendo per essere messi sotto anche da squadre sulla carta piú deboli; in piú la squadra non controlla il gioco e commette diversi errori in fase di disimpegno e di impostazione esponendosi alle ripartenze degli avversari.Dando uno sguardo ai singoli, quello che risalta maggiormente é sicuramente la mancanza di un bomber capace di risolvere le partite anche quando la squadra gioca male. Fino a oggi Inzaghi se l’è cavata con i gol dei centrocampisti e dei trequartisti perché il suo gioco, veloce e arioso, permetteva in effetti a chi lavorava alle spalle della prima punta di arrivare facilmente al tiro. Chi ne ha beneficiato piú di tutti é stato sicuramente Honda che, tuttavia, sembra aver bisogno di tirare il fiato mentre Jeremy Menez appare piuttosto involuto e sembra non avere la giusta mentalitá per essere decisivo a partita in corso. In piú bisogna considerare che, in passato, né il giapponese né il francese sono mai andati in doppia cifra nei loro campionati quindi i gol della prima punta servirebbero come il pane; tuttavia né Torres, che fatica ad ingranare che e sembra soffrire i mancati rifornimenti ed una condizione fisica ancora approssimativa, né tanto meno Pazzini stanno assicurando reti pesanti.Ci sarebbe sempre El Shaarawy ma il Faraone, dopo un anno di infortuni e di misteri, fatica a tornare ai livelli di un tempo ed appare ancora molto discontinuo. Inzaghi lo sostiene e gli da fiducia anche se bisogna sempre considerare che Stephan resta pur sempre un attaccante esterno e difficilmente potrá sorreggere l’attacco del Milan per un intero campionato.  In difesa se Alex si sta confermando a buoni livelli e Zapata e Rami stanno trovando una discreta continuitá di rendimento, continuano a suscitare piú di una perplessitá le prestazioni di De Sciglio. L’azzurro sembra anch’esso essere piuttosto involuto e sotto tono e non si sta confermando ai livelli alti a cui aveva piacevolmente abituato tutti.In attesa del recupero di Montolivo che dovrebbe aumentare il tasso tecnico del centrocampo e, si spera, di un piccolo regalino nel mercato di Gennaio, il Milan deve assolutamente ritrovare almeno l’intensità, la corsa e l’entusiasmo delle prime giornate per consolidarsi al terzo posto e guardare con piú ottimismo al proseguo della stagione. Inzaghi ed il suo staff dovranno essere bravi a migliorare la condizione fisica ed a fare, di volta in volta, le scelte piú giuste in attacco in modo da tenere alto il livello del ritmo e dell’imprevedibilitá della manovra.Gaetano De Pippo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy