MILAN, COMA PIATTO. 12 PUNTI IN 12 GARE. I DATI DELLA CRISI

MILAN, COMA PIATTO. 12 PUNTI IN 12 GARE. I DATI DELLA CRISI

La delusione di Montolivo, Bonaventura e Poli (gazzetta.it)
La delusione di Montolivo, Bonaventura e Poli (gazzetta.it)
12 punti in 12 gare. E’ questa l’imbarazzante media punti che il Milan di Inzaghi ha totalizzato da quel Milan-Fiorentina 1-1 del 26 ottobre 2014. Fino ad allora, nelle prime sette giornate di Serie A, i rossoneri avevano totalizzato 14 punti (una media punti pari a 2, il doppio). Ben 16 erano stati i gol fatti, con un attacco che trascinato da Menez e Honda macinava reti, ma altrettanto tante erano state le reti subite: 10. La media reti, e conseguentemente anche quella punti, è crollata a partire proprio da quella fatidica ottava giornata: 11 reti in 12 partite, una media inferiore all’una a match. L’attacco, unico reparto che ben funzionava, è da tempo entrato in crisi, ma allo stesso tempo la difesa non è migliorata quanto Inzaghi auspicava. Nelle ultime 12 partite i rossoneri hanno infatti subito ben 12 reti, una a partita.Un anno fa, alla 19esima giornata il Milan aveva perso contro il Sassuolo 4-3. Era il 13 gennaio, Massimiliano Allegri chiudeva con la disfatta di Reggio Emilia il girone d’andata con 22 punti in classifica. Una prima parte di Campionato che da molti, Berlusconi e Galliani compresi, fu indicata come una delle peggiori della storia del Milan. Eppure un anno dopo siamo ancora qua: i vari innesti di Menez, Torres, van Ginkel, Bonaventura, Alex, Diego Lopez etc. hanno fruttato appena quattro punti in più in classifica. 1,16 di Allegri contro 1,27 di Inzaghi le medie punti a confronto nel girone di andata. Per non tirare poi fuori la solita ‘storia Seedorf’ che chiuse il girone di ritorno con 57 punti e una media punti da 1,8 punti ma fu cacciato come un fallimento (nonostante avesse preso in mano una squadra non sua e senza possibilità di rinforzi).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy