MILAN, CALCIOMERCATO IN PIENO FERMENTO

MILAN, CALCIOMERCATO IN PIENO FERMENTO

Stefano Okaka Chuka, 25enne centravanti italiano della Sampdoria (fonte foto: www.ilsecoloxix.it)
Stefano Okaka Chuka, 25enne centravanti italiano della Sampdoria (fonte foto: www.ilsecoloxix.it)

Manca poco meno di un mese alla riapertura del calciomercato, ma Adriano Galliani sta già lavorando alacremente per regalare a Pippo Inzaghi qualche rinforzo all’attuale organico, abbondante per numero di elementi ma, in alcuni settori, deficitario sotto il punto di vista della qualità tecnica.

Come sempre succede, però, in casa Milan prima di acquistare bisognerà cedere. E sono in tanti gli indiziati a svuotare il proprio armadietto a Milanello: in difesa, si registreranno le probabili partenze di Michelangelo Albertazzi (23 anni), Pablo Armero (28) e Cristian Zaccardo (33). Per il primo, riscattato dal Verona in estate e mai utilizzato, si prospetta una cessione in prestito; il colombiano, che ha disputato finora 3 gare senza aver convinto né l’allenatore né gli addetti ai lavori, verrà rispedito all’Udinese, società dalla quale è in prestito; per il terzo, sostanzialmente ai margini della rosa rossonera da inizio stagione, si valuterà qualsiasi alternativa. Inclusa la rescissione consensuale di un contratto in scadenza il 30 giugno 2016.

A centrocampo, è destinata a concludersi anzitempo l’avventura milanista di Marco Van Ginkel (22), frenato ad inizio campionato da un fastidioso infortunio rimediato ad Empoli e schierato poi da Inzaghi soltanto a San Siro contro l’Udinese (prova piuttosto incolore): tornerà al Chelsea, proprietario del suo cartellino. Sarà un arrivederci, invece, quello di Riccardo Saponara (23), tanto talento ed altrettanta fragilità: su di lui, mezza Serie A. Sei mesi da titolare in provincia non potranno che giovare alla crescita del ragazzo.

Infine, l’attacco: andrà via in prestito per giocare con continuità M’baye Niang (20), in Italia o in Europa, mentre resta un grande punto interrogativo il futuro di Giampaolo Pazzini (30). Rimarrà in squadra fino alla scadenza naturale del suo contratto, nel prossimo giugno? Verrà inserito in qualche scambio di mercato? Rinnoverà il suo contratto e resterà rossonero? L’arcano mistero sarà svelato nel breve volgere di una ventina di giorni, intanto, il ‘Pazzo’ si augura di giocare un po’ di più di quanto fatto finora.

Sistemate queste situazioni, il Milan potrà poi dedicarsi alle operazioni in entrata. Il budget disponibile, come al solito, non è cospicuo, e non illuda il rinnovo dell’accordo di sponsorizzazione con Emirates: prestiti, parametri zero e colpi ‘intelligenti’ saranno le uniche strade perseguite anche in gennaio.

In difesa, Galliani corteggia da mesi l’esterno sinistro del River Plate Leonel Vangioni (27), abile a coprire quanto ad offendere, argentino con passaporto italiano. I ‘Millonarios‘ chiedono almeno 7 milioni, e l’ad rossonero sta cercando di limare le attuali differenze tra domanda ed offerta (4, 5 milioni al massimo). Qualora l’operazione Vangioni dovesse essere posticipata a giugno, il Milan busserebbe alla porta del Real Madrid per chiedere il prestito semestrale di Fabio Coentrão (26), o, soluzione low cost e last minute, a quella della Fiorentina per liberare con sei mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del suo contratto Manuel Pasqual (32).

A centrocampo, i rossoneri puntano un regista: il sogno resta Sami Khedira (26) del Real Madrid, da dove potrebbe giungere, rigorosamente in prestito, anche Asier Illarramendi (24), sul quale però c’è anche l’Inter. Alternativa ‘nostrana’, il gioiellino dell’Atalanta Daniele Baselli (22). Capitolo attacco: con tutta probabilità, saranno realizzati almeno due colpi in entrata. Uno, necessario, per il ruolo di esterno nel 4-3-3 di Inzaghi, poiché Honda (già in calo di forma) sarà impegnato in Coppa d’Asia; un altro, facoltativo ma non meno importante, nel ruolo di centravanti, considerata la scarsissima vena sotto rete di Torres, delusione numero uno della stagione.

Per l’esterno d’attacco, primo obiettivo è lo spagnolo Suso (21) del Liverpool: il ragazzo ha già l’accordo con il Milan per trasferirsi in Italia a parametro zero a giugno, ma Galliani proverà a convincere i ‘Reds‘ a liberarlo prima; in seconda battuta, è stata sondata la pista ‘cinese’, che porta al Guangzhou Evergrande, al quale è stata chiesta la disponibilità di Alessandro Diamanti (31). Difficile che la formazione allenata prima da Marcello Lippi ed ora da Fabio Cannavaro si liberi anche di lui oltre che di Gilardino. Così come è difficile arrivare ad Alessio Cerci (27): l’Atletico Madrid rifiuta categoricamente qualsiasi ipotesi di prestito. Per il centravanti, il Milan guarda con interesse a Genova: vorrebbe nuovamente in organico il rigenerato Alessandro Matri (30), ma il vero obiettivo della dirigenza è Stefano Okaka (25), esploso alla Sampdoria, il quale ha preso tempo con i blucerchiati per il rinnovo del contratto poiché affascinato dalla tentazione del Diavolo.

Infine, non vanno tralasciate possibili sorprese: Galliani e Rocco Maiorino tengono sotto osservazione da mesi, infatti, il Sud America, e non è escluso che i futuri rossoneri non possano provenire da oltre oceano.

Daniele Triolo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy