MILAN, A CENTROCAMPO ANCORA NON CI SIAMO

MILAN, A CENTROCAMPO ANCORA NON CI SIAMO

Poli e Montolivo, due tasselli fondamentali per il centrocampo di Mihajlovic (acmilan.com)
Poli e Montolivo, due tasselli fondamentali per il centrocampo di Mihajlovic (acmilan.com)
Prime amichevoli estive e primi segnali in casa Milan: le sfide contro l’Alcione, il Legnano e l’Inter hanno evidenziato già alcuni pregi e difetti della rosa rossonera. Tra gli ultimi, rientra certamente il centrocampo. Il reparto mediano è infatti sembrato quello dove la squadra rossonera riscontra le maggiori difficoltà e sembra necessitare di almeno un paio di rinforzi. Certo, mancano alcuni automatismi e la condizione di alcuni giocatori è ancora indietro, ma manca un filo conduttore tra difesa e attacco, un’impostazione di gioco.I nomi in rosa, infatti, non sono particolarmente eccellenti. Montolivo può essere l’unico a fare il regista, ma è spesso lento e prevedibile. De Jong non riesce nel ruolo davanti alla difesa e – seppur mastino – non è certo un centrocampista dai piedi d’oro. Bertolacci garantisce quantità e qualità, ma deve ancora confermarsi quello dell’anno scorso e dimostrare di valere i 20 milioni spesi da Galliani. Poli porta alla causa corsa e sudore, ma anche lui è tecnicamente limitato. Lo stesso discorso vale per Nocerino, che ha già le valigie pronte, mentre José Mauri non può certo incarnare il ruolo di attore protagonista e di salvatore della patria a 19 anni.Insomma, serve un acquisto: l’identikit perfetto è quello di Axel Witsel: top player con esperienza, in grado di fare tanto la fase difensiva quanto quella offensiva, centrocampista con molta intensità. Anche Roberto Soriano, in forza alla Sampdoria, porterebbe alcune di queste caratteristiche, e per altro lo farebbe ad un costo certamente minore.Luca Fazzini (Twitter: @_lucafazzini)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy