MILAN: 20 ANNI FA L’ADDIO AL CALCIO DI MARCO VAN BASTEN

MILAN: 20 ANNI FA L’ADDIO AL CALCIO DI MARCO VAN BASTEN

Commenta per primo!

Marco Van Basten
Marco Van Basten (fonte foto: www.youtube.com)
Era il 17 agosto del 1995. Una giornata entrata nella storia del Milan e del calcio mondiale. Uno dei più grandi di sempre stava per annunciare il suo addio al calcio. Nella Sala dei Trofei di via Turati, vecchia sede rossonera, era stata convocata appositamente una conferenza stampa, nella quale Marco van Basten, con poche parole, ha voluto salutare tutti: “La notizia è corta: semplicemente smetto di giocare, tutto qui”. Fuori come in campo: il Cigno di Utrecht riusciva a far sembrare le cose difficili di una semplicità unica. Come una rovesciata in cielo, o un colpo di testa in tuffo. Come l’addio al calcio.Rimasto nei cuori rossoneri, Marco van Basten arrivava da anni difficili: due stagioni e mezza vissute tra infortuni ed operazioni, poche apparizioni e pochi gol. Un campione che era ben voluto da tutti, che ha realizzato con la maglia della sua Nazionale uno dei gol più belli della storia del calcio: un tiro al volo contro l’URSS praticamente dalla linea di fondo campo. Dopo la conferenza stampa del 17 agosto, il 18 si presentò a San Siro, prima del Trofeo Berlusconi, per salutare il suo pubblico, la sua gente, che lo ha amato e ammirato, applaudito e idolatrato. E il suo giro di campo con gli occhi lucidi, la giacca di renna e la camicia rosa, è scolpito negli occhi, e nel cuore, di chi ama il calcio.Fece quel giro di campo a bocca aperta, perché per una volta era lui a vedere qualcosa di magico: uno stadio intero, milanisti e juventini, uniti per applaudire uno dei più grandi calciatori visti sui campi di calcio. Ed ogni volta che è tornato a San Siro, come per l’addio al calcio di Albertini, ha regalato sempre qualcosa ai tifosi rossoneri. In quel Milan-Barcellona segnò uno splendido gol di testa. Che ha evocato ricordi meravigliosi a tutti. Venti anni dall’addio di Marco van Basten al calcio. Il tempo è volato, come faceva lui sui campi da gioco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy