MERCATO: SUSO E NOCERINO, PROVE TECNICHE D’ADDIO

MERCATO: SUSO E NOCERINO, PROVE TECNICHE D’ADDIO

Suso in azione, fonte foto acmilan.com
Cronaca di un flop annunciato. Quello di Nocerino e Suso. Che non sono riusciti a conquistarsi il Milan ma, al contrario, con il primo tempo contro l’Empoli hanno convinto tutti o quasi, che il rossonero non è cosa loro.Schierati titolari a sorpresa da Mihajlovic (quasi per dimostrare la loro inadeguatezza) i due quasi partenti sono stati i peggiori in campo insieme a quel Bertolacci che ha dalla sua le attenuanti di essere nuovo. Nocerino è sembrato essere il lontano aprente di quel centrocampista decisivo ammirato nell’anno dell’ultimo scudetto, capace di segnare ed essere un trascinatore. Ieri sera contro l’Empoli, la sua prestazione è stata imbarazzante, un corpo estraneo, un giocatore sembrato più voglioso di partire che di conquistarsi il posto in squadra.Stesso discorso per Suso. Il giovane spagnolo non ha mai trovato la posizione, galleggiando tra attacco e difesa come un pesce fuor d’acqua. Evanescente, irritante per lo più, con due buone occasioni sprecate con tiracci da medianaccio di primo pelo. Deve crescere il ragazzo. E per farlo deve andare a giocare dove le pressioni non ci sono e gli sbagli vengono facilmente perdonati. E San Siro questi non li perdona: i sonori fischi alla sua sostituzione sono l’emblema di una stagione iniziata male.E anche il Milan, con Mihajlovic in primis, sembra essersi convinto che la cessione è la cosa migliore per tutti. Nocerino piace sempre alla Sampdoria, ma anche in Turchia. Suso ha mercato in Spagna ma la squadra più vicina sembra il Genoa, dopo che è saltata la trattativa Iturbe.Le ore passano e il mercato è agli sgoccioli. Ora tutti i nodi verranno al pettine: Suso e Nocerino out, Witsel e Perotti in. O almeno questo si spera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy