MERCATO, A GENNAIO TRE CESSIONI SICURE

MERCATO, A GENNAIO TRE CESSIONI SICURE

M'baye Niang, (fonte foto: calcio.fanpage.it)
M’baye Niang, (fonte foto: calcio.fanpage.it)
Mancano quasi tre mesi alla riapertura invernale del calcio mercato ma il Milan, cosí come le altre società, sta pianificando da tempo le strategie e i propri movimenti. Tutti i tifosi si augurano che la societá continui a migliorare la rosa inserendo almeno due o tre elementi di qualitá in modo da alimentare ulteriormente le speranze di partecipare alla prossima Champion’s League. Qualche nome concreto e qualche “sogno” iniziano giá a trapelare (Suso, Khedira) ma siamo sicuri che in questi mesi ne usciranno degli altri come vuole ogni calcio mercato che si rispetti.Ad oggi, peró, l’unica certezza é che, sempre durante la prossima sessione invernale, il Milan dovrá proseguire l’opera di sfoltimento della rosa (con conseguente abbattimento del monte ingaggi) intrapresa quest’estate e che ha coinvolto tra gli altri Kaká, Robinho, Constant e Mario Balotelli.  Per avere un’idea precisa di quali siano i prossimi giocatori a dover svuotare gli armadietti di milanello basta confrontare gli ingaggi con il minutaggio concesso da Inzaghi in quest’avvio di stagione. Almeno tre sono i nomi che rispecchiano questi due criteri: Mexes, Zaccardo e Niang; dei tre solamente l’attaccante francese delle presenze in campionato raggiungendo l’avvilente bottino di 23 minuti. Proviamo a valutare brevemente le ragioni di queste cessioni “annunciate” e i possibili scenari futuri.Mexes: é sicuramente il caso piú spinoso; il difensore francese, con circa 4 milioni di euro netti l’anno, é uno dei giocatori piú pagati dell’intera rosa ma il suo rendimento di questi anni non ha mai corrisposto in pieno le aspettative. Il Milan ha cercato per tutta l’estate di trovare una sistemazione al giocatore rendendosi anche disponibile a contribuire a parte del pagamento dello stipendio. Il giocatore ha ritenuto opportuno rifiutare tutte le proposte ed é rimasto a milanello da “separato in casa”. A Gennaio, sicuramente, il Milan cercherá nuovi acquirenti disposti ad accolarsi parte del rimanente ingaggio; in caso contrario il giocatore resterá fino a Giugno, data della naturale scadenza del contratto, e poi si congederá dal Milan senza particolari rimpianti (se non per il cassiere di via Aldo Rossi).Zaccardo: l’ex difensore del Parma é stato ad un passo dal ritorno in gialloblù giá nell’ultimo giorno di mercato ma, come noto, alcune precedenti pendenze economiche del giocatore con  la societá emiliana ed il mistero attorno all’esito delle visite mediche di Biabiany fecero saltare l’affare che tutti davano per concluso. A posteriori molti tifosi hanno rivalutato la scelta di Zaccardo anche perché il suo rifiuto ha contribuito in maniera decisiva all’acquisto di Jack Bonaventura. L’ex campione del mondo ha ancora un anno mezzo di contratto ma la società cercherà sicuramente di trovargli una sistemazione. Anche per Zaccardo il problema resta l’ingaggio, ancora troppo elevato per i parametri delle squadre italiane interessate. Si spera sempre in qualche offerta dall’estero, anche se il giocatore, in estate, ha rifiutato una proposta dalla Turchia.Niang: anche per il giovane attaccante francese la cessione sembra ormai prossima; dopo due stagioni in cui il giocatore si è fatto notare più per le scorribande fuori dal campo (guida senza patente, incidenti vari) che per i gol segnati. I numeri sono impietosi e un solo gol in Coppa Italia non può bastare per imporsi come titolare al Milan. Negli occhi di tutti resta il palo clamoroso colpito a Barcellona, azione che avrebbe potuto cambiare la sua carriera in rossonero e la storia del Milan di Allegri nella Champions del 2012/2013. Dopo gli ultimi sei mesi passati in prestito al Montpellier, Niang ha approcciato bene la preparazione estiva ottenendo la promessa di Inzaghi e Galliani di rimanere in rosa; nonostante questo, gli acquisti last minute di Bonaventura e Torres, il recupero di El Shaarawy e l’esplosione di Honda hanno contribuito a chiudere ulteriormente gli spazi per il francese. Rispetto ai due difensori, Niang ha sicuramente il vantaggio di essere ancora giovane e il Milan potrebbe anche pensare a un altro prestito, magari in Italia, ad una società che potrebbe provare a rilanciarlo. Qualora dovessero però arrivare offerte concrete dall’estero (anche se basse), sicuramente Galliani non si farà problemi a perfezionare la cessione.Si prevedono porte girevoli in casa Milan anche durante il prossimo mercato, c’è da completare l’opera di sfoltimento iniziata in estate. La rosa del Milan conta, attualmente, 25 giocatori di movimento più 3 portieri, sicuramente troppi per dover competere solo in Campionato e Coppa Italia. Almeno tre partenze sembrano oramai certe, anche se, per mettere nero su bianco, Galliani dovrà trasformarsi da Condor ad abile mercante in quanto non sarà affatto semplice trovare acquirenti disposti a pagare determinati ingaggi. Gaetano De Pippo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy