Leonardo, il passato è dimenticato: è lui il regista del nuovo Milan

Leonardo, il passato è dimenticato: è lui il regista del nuovo Milan

Leonardo, direttore del’area tecnica del Milan, sta vivendo delle settimane molto intense: con il suo lavoro sta conquistando nuovamente i tifosi rossoneri

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

“La rabbia dei tifosi in merito al mio passaggio all’Inter? Capisco perfettamente che sia così. Capisco le mie scelte, capisco le reazioni. E le rispetto. Se entrano in discussione i sentimenti, è perché ci sono stati”. E’ cosi che che Leonardo, nuovo direttore dell’area tecnica rossonera, si è presentato a Casa Milan il 26 luglio scorso. Il brasiliano è stato scelto da Elliott (clicca QUI per scoprire il piano del fondo per rilanciare il club) per costruire il nuovo Milan, e Leo ha deciso di entrare in punta di piedi, cercando di riconquistare i tifosi con il lavoro quotidiano.

NUOVA ERA – Da quel momento le giornate di Leonardo sono state piene e intense, con l’unico obiettivo di migliorare il Milan sia dal punto di vista sportivo e sia dal punto di vista dell’immagine. Con una grande operazione di mercato, che all’inizio sembrava essere impossibile,  il club rossonero si è assicurato le prestazioni di Mattia Caldara e Gonzalo Higuain, mentre nella giornata di ieri è stato presentato Paolo Maldini, che finalmente è tornato in società proprio grazie al rapporto di amicizia che ha con il dirigente. E’ evidente dunque che fino a questo momento Leonardo stia svolgendo un ottimo lavoro, e i tifosi stanno pian piano dimenticando tutto quello che è accaduto in passato.

ENTUSIASMO – Il merito principale di Leonardo è quello di aver riportato entusiasmo, senza però mai illudere i tifosi. Più volte, infatti, è stato ribadito di dover necessariamente rispettare gli obblighi relativi al Fair Play Finanziario, ma nulla vieta all’ex Psg di pensare qualche formula di trasferimento “fantasiosa” che possa consentire al Milan di rinforzarsi. A tal proposito il prestito da 18 milioni di euro per Higuain, con diritto di riscatto fissato a 36, va proprio in questa direzione: mercato intelligente e contenuto, cercando di sfruttare le opportunità che possono crearsi. L’obiettivo è quello di consegnare a Gennaro Gattuso una squadra competitiva, che possa finalmente centrare la Champions League, che manca da troppo tempo al Milan. Per quanto riguarda il mercato invece, Leo studia un grandissimo colpo: CLICCA QUI per scoprire di chi si tratta!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy