INZAGHI E LE RISERVE, ZERO FIDUCIA. UN PATRIMONIO GETTATO AL VENTO

INZAGHI E LE RISERVE, ZERO FIDUCIA. UN PATRIMONIO GETTATO AL VENTO

 

Pazzini, Mexes e Saponara (http://globoesporte.globo.com/)
Pazzini, Mexes e Saponara (http://globoesporte.globo.com/)
È appurato che, da inizio campionato, Inzaghi abbia provato ben dieci formazioni diverse, ma la sua scelta ricada sempre sugli stessi 14 giocatori. La parola turnover gli è forse sconosciuta? Molti risponderebbero sì, ma Inzaghi non è d’accordo “C’è stato, siete voi che dite che qualcuno non gioca. Chi è infortunato bisogna sostituirlo. Siamo 28, non sarà facile accontentare tutti”. È evidente che la scelta di alcuni giocatori piuttosto che altri, spesso, è stata solo una conseguenza di squalifiche o infortuni. Nonostante la magra campagna acquisti, Inzaghi è riuscito a ritrovare alcuni giocatori, in primis Honda e Abate, ma affidarsi sempre agli stessi, se da un lato garantisce sicurezza, a lungo andare può rivelarsi un’arma a doppio taglio.A undici giornate dall’inizio, infatti, alcuni “irremovibili” iniziano ad avvertire la stanchezza e rendono meno del dovuto, altri stanno riscontrando qualche problema fisico. Non si può negare il calo di Honda nelle ultime quattro giornate. Il giapponese è sempre partito da titolare e ha giocato in media 70 minuti a partita: stanchezza, non ci sono altre spiegazioni. Purtroppo non solo Inzaghi, ma anche la sua Nazionale non può fare a meno di lui, quindi per il nipponico sarà veramente difficile ricaricare le batterie prima del derby. Passiamo agli infortunati: Abate, 10 partite su 11 giocate per intero, ha saltato la sfida con la Sampdoria a causa di un’infiammazione al tendine achilleo sinistro ed anche a rischio derby. Stesso destino per De Jong: anche lui ha disputato fin qui dieci gare ed è stato fermato solo da una squalifica, potrebbe saltare la stracittadina per un problema muscolare. Fermi in infermeria ci sono anche Alex e Muntari.Il mister non sta dando fiducia alle riserve, forse gettando al vento un prezioso patrimonio. Van Ginkel, dopo un esordio sfortunato, ha recuperato dall’infortunio e ha visto il campo solo nel trofeo Berlusconi, eppure si parlava di lui come talento in erba. Saponara, fortemente voluto da Inzaghi, ha disputato i suoi primi minuti solo contro il Palermo. Armero si è visto in campo solo per 14 minuti nella prima di campionato e poi è sparito, così come Niang, che dopo il rientro al Milan, aveva promesso gol ai tifosi, ma per ora sta collezionando solo panchine, per lui solo qualche minuto contro Lazio e Parma.Se gli infortunati non recupereranno, l’allenatore rossonero sarà costretto a trovare delle alternative, le riserve sono sull’attenti, che sia la volta buona che Inzaghi getti qualcun’altro nella mischia? Per ora sembra che solo Van Ginkel sia il candidato per un posto da titolare nel derby.Federica Di Bartolomeo (twitter @FedericaDB22)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy