INCHIESTA PM – I 10 STADI A CUI ISPIRARSI: SIGNAL IDUNA PARK E VELTINS ARENA

INCHIESTA PM – I 10 STADI A CUI ISPIRARSI: SIGNAL IDUNA PARK E VELTINS ARENA

In casa Milan è tempo di rivoluzioni. Dopo la realizzazione della nuova sede in zona Portello, i rossoneri stanno valutando la costruzione di un nuovo stadio, moderno e ricco di attività collaterali alla partita. Dopo un’attenta ricerca, PianetaMilan.it vi propone una selezione di 10 strutture sportive da cui trarre ispirazione per il nuovo stadio del Milan.Prima tappa: San Mames e Cornellà-El Prat (clicca QUI per rileggere) Seconda tappa: Da Luz e Vélodrome (clicca QUI per rileggere) Terza tappa: Emirates Stadium e Allianz Arena (clicca QUI per rileggere)Nuovo episodio, si resta in Germania per ammirare due meraviglie della Ruhr. 

Il Signal Iduna Park (Westfalenstadion), casa del Borussia Dortmund - fonte www.ruhrnachrichten.de
Il Signal Iduna Park (Westfalenstadion), casa del Borussia Dortmund – fonte www.ruhrnachrichten.de
SIGNAL IDUNA PARKSquadra: Borussia DortmundCapacità: 80.667 in Bundesliga (con posti in piedi) – 65.829 in Coppe Europee (limiti imposti dall’UEFA)Data costruzione: 1974 – Ultima ristrutturazione 2007Costo: Circa 200 milioni di euro    
Il 'Muro Giallo' del Signal Iduna Park, stadio del Borussia Dortmund - fonte www.bvb.de
Il ‘Muro Giallo’ del Signal Iduna Park, stadio del Borussia Dortmund – fonte www.bvb.de
Il Signal Iduna Park, noto anche come Westfalenstadion in onore alla regione tedesca di Dortmund (la Vestfalia appunto), è uno degli stadi più famosi della Germania, nonché dell’intera Europa. Un impianto che tiene conto della tradizione, ma che si è tenuta al passo coi tempi con l’introduzione di elementi metallici nella struttura e con l’ammodernamento dei servizi al suo interno. La prima particolarità viene dalla gestione del flusso di soldi nello stadio: da alcuni anni infatti è stato introdotto un nuovo sistema, una sorta di carta dei servizi utile per qualsiasi acquisto, dai biglietti, alle attività commerciali a quelle di ristorazione; con questa carta ricaricabile diminuiscono i tempi di transazione e le code, senza un significativo aumento dei costi. A proposito dei costi: i prezzi dei biglietti sia per le partite che per il museo o il tour dello stadio sono accessibili a tutti, così da garantire sempre al Borussia una nutrita folla di tifosi. Per quanto riguarda le tribune, la gestione è oculata e centrata sui fan: per le famiglie ad esempio vi è un settore appositamente dedicato e attento alla salute soprattutto dei bambini, nel quale è assolutamente vietato fumare. Per i supporter più accesi invece, ecco la vera particolarità di questo impianto: la South Stand, il cosiddetto Muro Giallo del BVB. La differenza nella capienza dello stadio dipende proprio da questo: in campionato infatti in questa Curva è possibile per altre 15.000 persone circa stare in piedi per rendere ancora più impressionante l’effetto visivo delle coreografie, mentre l’UEFA ha vietato questa pratica nelle competizioni europee. Accanto allo stadio poi, sorge un altro palazzetto dedicato all’atletica leggera. Per quanto riguarda i ricavi dall’impianto, si attestano oltre i 40 milioni di euro l’anno per il club, una cifra considerevole se legata poi agli introiti derivanti dal merchandising, anche collaterale allo stadio. 
La Veltins Arena (Arena AufSchalke), casa dello Schalke 04 - fonte www.football.wikia.com
La Veltins Arena (Arena AufSchalke), casa dello Schalke 04 – fonte www.football.wikia.com
VELTINS ARENASquadra: Schalke 04Capacità: 61.482 in Bundesliga (con posti in piedi) – 53.951 in Coppe Europee (limiti imposti dall’UEFA) – 77.803 in altre manifestazioniData di costruzione: 2001Costo: Circa 195 milioni di euro   
Interno della Veltins Arena, che ospita le gare dello Schalke 04 - fonte www.stadiumguide.com
Interno della Veltins Arena, che ospita le gare dello Schalke 04 – fonte www.stadiumguide.com
L’impianto di Gelsenkirchen, nella zona settentrionale della Renania, è una delle strutture più impressionanti e moderne d’Europa. Innovativo anche per i metodi di finanziamento: è infatti il primo stadio la cui costruzione è stata interamente finanziata da enti privati, come appunto la Veltins che detiene il nome sull’edificio. Tante le particolarità tecniche che rendono questo impianto unico nel suo genere: tetto e campo sono retraibili, così da permettere la copertura totale delle tribune (trasformando lo stadio in un palazzetto) e la rimozione del manto erboso per la manutenzione, oltre che per cambiare rapidamente la finalità dello stadio. Non solo calcio infatti, la Veltins Arena (nota in precedenza come Arena AufSchalke) è multifunzionale e può ospitare una vasta gamma di eventi: dal pattinaggio, all’hockey, al pugilato fino anche a concerti e varietà. Anche da un punto di vista tecnologico lo stadio si presenta molto avanzato: un gigantesco cubo con 4 megaschermi posto al centro della struttura permette dalle tribune di rivedere al meglio i momenti salienti, un impianto high tech garantisce una perfetta diffusione sonora sia con il tetto aperto che chiuso, come anche il sistema di illuminazione in grado di adattarsi alle variazioni di luminosità dell’ambiente. Ottimo anche il servizio di accoglienza, con 72 VIP Lounge disposte ad anello tra il primo e il secondo livello delle tribune; numerose ovviamente anche le attività commerciali collaterali e bar/ristoranti. I prezzi non elevati garantiscono sempre una partecipazione elevatissima sia alle partite dello Schalke 04 che alle altre manifestazioni, non intaccando per questo i ricavi per il club, che si attestano oltre i 45 milioni di euro annui.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy