IL DERBY E’ UN RICORDO LONTANO: EL SHAARAWY TORNA AD INCANTARE

IL DERBY E’ UN RICORDO LONTANO: EL SHAARAWY TORNA AD INCANTARE

Stephan El Shaarawy, attaccante del Milan
Stephan El Shaarawy (Fonte foto: www.goal.com)
Non è stato un derby facile per Stephan El Shaarawy: quella maledetta traversa poteva lasciare il segno, così come l’altra grande occasione sprecata nei minuti finali. Soprattutto la mente di un ragazzo giovane, a cui il gol in campionato a San Siro manca ormai da una vita, ben 27 giornate, poteva risentire del contraccolpo psicologico e del lunghissimo digiuno. Non è stato così invece per il “Faraone” che ieri, contro l’Udinese, ha incantato San Siro e non solo. Stephan ha saputo chiudere definitivamente il capitolo deby, non lasciandosi abbattere dalle occasioni mancate, ed è sceso in campo con una fame fuori dal comune, mettendo in mostra, oltre al suo talento, una grande voglia di lasciarsi alle spalle tutta la sfortuna e tornare subito grande.Alla fine, ancora una volta, è mancato solo il gol, ma El Shaarawy è stato quasi perfetto. Sempre pronto a pungere in contropiede, sempre pronto a dialogare con Bonaventura e Menez, sempre pericoloso nei pressi dell’area di rigore, Stephan non ha nemmeno omesso il suo marchio di fabbrica, il grande sacrificio in fase di copertura. Una partita fatta di corsa ed impegno la sua, minata solo da un errore davanti alla porta nel finale. San Siro però è tutto con lui e non si tratta di un appoggio da poco.Adesso arriva il Genoa, squadra che lo ha lanciato nel grande calcio, ancora una volta l’emozione potrebbe farla da padrone, ma la sensazione è che El Shaarawy non guarderà in faccia a nessuno e farà di tutto per sbloccarsi e tornare al gol per provare poi a ripetersi contro il Milan, nel prossimo impegno casalingo del Milan.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy