HONDA VUOLE GIOCARE: AL MILAN O ALTROVE, LA SITUAZIONE

HONDA VUOLE GIOCARE: AL MILAN O ALTROVE, LA SITUAZIONE

Keisuke Honda
Keisuke Honda (fonte foto: united11.nexoneu.com)
Arrivato nel gennaio del 2014 dopo un lunghissimo tira e molla tra Milan e CSKA Mosca, Keisuke Honda era atteso come un giocatore in grado di cambiare gli equilibri del Milan di Allegri prima e di Seedorf poi. Tutto questo non è avvenuto, Allegri è stato esonerato dopo avergli concesso uno spezzone in Sassuolo-Milan, mentre Clarence Seedorf ha provato a reinventarlo come ala destra nel suo 4-2-3-1. Un ruolo dove il giapponese non ha brillato, anche a causa di una preparazione atletica approssimativa, dettata dallo sfalsamento del campionato russo e quello italiano.L’anno scorso Filippo Inzaghi ha cambiato modulo, passando al 4-3-3 e il buon Keisuke, quando è stato chiamato in causa, ha fatto ancora una volta l’ala destra, lui trequartista puro se ce n’è uno. Partito benissimo, il giapponese si è spento nella mediocrità del Milan di Inzaghi e complice la Coppa d’Asia che gli ha impedito di riposare nella sosta invernale, è arrivato con il fiato corto alle seconda parte della stagione, offrendo prestazioni poco brillanti, ad andare bene.Professionista esemplare, Honda quest’anno potrebbe avere la sua grande occasione, Mihajlovic gioca con un 4-3-1-2 purissimo e in questo schema serve un vero trequartista. Nel ruolo, escludendo Verdi che verrà ceduto, il Milan ha anche Bonaventura, il cui ruolo naturale è un’altro e il giovane Suso, che convince, ma fino a un certo punto. Honda quindi potrebbe ritrovare un posto stabile in squadra, ma in precampionato non ha brillato e Sinisa Mihajlovic sembra non fidarsi completamente di lui. Il giapponese e il suo entourage sembrano averlo capito e vogliono garanzie.Honda ha sempre desiderato il Milan e nel 2013 ha rifiutato ogni altra destinazione per i rossoneri e anche adesso preferirebbe restare, ma non vuole essere solamente un giocatore immagine, buono per vendere magliette in Asia, ma vuole essere protagonista. Per questo, almeno per il momento, ha accolto le varie offerte arrivate (in Italia piace al Genoa, ma a volerlo veramente è la Premier League dove almeno 3/4 squadre sono interessate) con una certa freddezza, ma il mercato è ancora lungo e tutto potrebbe cambiare. La soluzione ideale, comunque, sarebbe un’altra, se Honda tornasse quello visto lo scorso inizio di stagione o in Nazionale tutti sarebbero contenti: Mihajlovic avrebbe un trequartista affidabile, la società si godrebbe un uomo immagine importantissimo per l’estremo oriente e Keisuke ritroverebbe il sorriso, da protagonista.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy