FOCUS TORRES: SPAESATO, EVANESCENTE E IRRITATO. UN ATTEGGIAMENTO DA RIVEDERE

FOCUS TORRES: SPAESATO, EVANESCENTE E IRRITATO. UN ATTEGGIAMENTO DA RIVEDERE

Torres nel tentativo di un dribbling (fonte: zimbio.com)
Torres nel tentativo di un dribbling (fonte: zimbio.com)
Fernando José Torres Sanz, nato a Fuenlabrada il 20 marzo 1984, soprannome El Niño. Campione d’Europa nel 2008 e nel 2012, campione del mondo nel 2010 solo per citare le vittorie con la nazionale spagnola. Nel 2011 gli viene intitolato lo stadio di Fuenlabrada, sua città natale e riceve la medaglia d’oro al merito sportivo. Si può discutere un giocatore con un simile curriculum?Alla luce delle prestazioni di Cesena e di ieri sera con il Chievo sicuramente si. La postura del giocatore spagnolo è rivelatrice di un approccio psicologico problematico, il linguaggio del corpo è spesso rivelatore di difficoltà ed impacci. Torres sembra essere ancora lontano dall’avere la sicurezza e convinzione dei propri mezzi e questo viene probabilmente percepito dai compagni che lo cercano poco e male. Poche le palle buone ricevute, poco presente in area nelle mischie create dagli attacchi rossoneri e nelle occasioni in cui ha potuto liberarsi al tiro non ha mai centrato la porta. Le caratteristiche degli esterni non aiutano la prima punta del Milan, lo dimostrano le analoghe difficoltà mostrate da Pazzini quando è stato chiamato in causa; un giocatore del suo livello è però chiamato ad adattarsi e rendere in proporzione ad esso.Il tempo non manca, anche l’arrabbiatura al momento del cambio può essere il segnale di un giocatore tutt’altro che rassegnato ad un ruolo di comprimario. Il Milan è un cantiere in cui le cose da migliorare sono tante, tra queste sicuramente Pippo Inzaghi inserirà la necessità di inserire al meglio un giocatore troppo importante per squadra, società e tifosi. Un fiore all’occhiello cui va dato il tempo di inserirsi mentalmente e tatticamente, perché come insegna il giapponese Honda non sempre le prestazioni degli stranieri appena arrivati nel nostro campionato sono da prendere per attendibili. Tempo al tempo e Fernando Torres tornerà a fare quello che ha sempre fatto: vincere e segnare, con l’aiuto di un mister che conosce bene entrambe le cose.Stefano Cocozza

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy