FOCUS PM – TORRES, IL NINO E’ GIA’ UN CASO?

FOCUS PM – TORRES, IL NINO E’ GIA’ UN CASO?

Torres nel tentativo di un dribbling (fonte: zimbio.com)
Torres nel tentativo di un dribbling (fonte: zimbio.com)
Non dev’essere certamente un momento semplice per Fernando Torres, sostituito ieri ancora una volta da Pippo Inzaghi per una prestazione poco convincente: con la maglia rossonera lo spagnolo ha sinora collezionato 5 presenze per un totale di 306 minuti, ma per lui mai una partita completa. Il Milan vince nettamente a Verona (e questo limita i danni) ma l’ambiente rossonero si scalda: il Nino è già un caso? Attualmente lo spagnolo è l’equivalente di una punta qualsiasi: tanto lavoro sporco, buoni i movimenti ad aprire gli spazi per gli esterni (vedasi il secondo gol rossonero ieri a Verona). Torres si sacrifica come bersaglio dei pestoni avversari e permette ai compagni di giocare, ma a  mancare è soprattutto il gol (per ora solo uno contro l’Empoli).Torres non è un qualsiasi attaccante giunto a Milano: è stato scelto, è stato voluto per quel guizzo da fuoriclasse che ha segnato la sua carriera. Sinora però Fernando ha mancato l’obiettivo: poco incisivo, mai realmente pericoloso, spesso impreciso e lento. Non c’è da stupirsi che la Gazzetta dello Sport lo abbia ieri bollato come il peggiore in campo rifilandogli un sonoro 5 in pagella che tanto stona con la prestazione del resto delle squadra.La palla passa ora ad Inzaghi: Honda trascina la squadra a suon di gol ed è intoccabile, El Shaarawy si è ieri messo in luce con una prestazione vivace e frizzante e potrebbe aver convinto il tecnico, Menez ha sin qui fatto vedere le cose migliori di questa squadra e tenerlo in panchina parrebbe impossibile. Quindi? Ritorno a ‘falso nueve’ in attesa che il Nino ritrovi la forma fisica migliore? Forse Inzaghi potrà esaudire il desiderio di Fernando: basta sostituzioni sì, ma perchè il piede in campo non ce lo metterà proprio. Che Torres sia di troppo?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy