FOCUS PM – PRIMAVERA, SINGOLI A CONFRONTO: DONKOR FRENA VIDO, CHE DUELLO DE SANTIS PUSCAS!

FOCUS PM – PRIMAVERA, SINGOLI A CONFRONTO: DONKOR FRENA VIDO, CHE DUELLO DE SANTIS PUSCAS!

Primavera, Milan-Inter. Vido si appresta a battere il calcio di rigore (Fonte: PianetaMilan.it)
Primavera, Milan-Inter. Vido si appresta a battere il calcio di rigore (Fonte: PianetaMilan.it)
Sono passati ormai tre giorni dal derby Primavera andato in scena al Centro Sportivo Vismara, derby che ha visto uscire vincitrice l’Inter di Mister Vecchi, con un risultato che ha forse punito eccessivamente il Milan. Nel complesso i nerazzurri si sono mostrati più in forma da un punto di vista atletico e più rodati a livello tattico, ma anche a livello individuale ha evidenziato una superiorità fisica e tecnica nei singoli.Vido punge, ma Donkor lo sovrasta – La sfida nella sfida tra l’attaccante del Milan, al rientro dopo un lungo stop, e il centrale nerazzurro è stata vinta nettamente da quest’ultimo. Donkor infatti ha sofferto solo per pochi minuti i guizzi di Vido, che comunque è uscito a testa alta dal campo dopo essere tornato al gol su calcio di rigore, ma nel complesso ha regnato sovrano nella propria metà campo. Il 19enne ghanese ha certamente tratto vantaggio dall’evidente superiorità fisica rispetto al rivale, due anni più giovane di lui: nei contrasti corpo a corpo non c’è stata storia, ma anche negli anticipi e nell’uno contro uno il centrale dell’Inter ha mostrato la sicurezza e la prontezza di un veterano.Puscas ne fa tre, ma che duello con De Santis – A guardare il tabellino, la risposta a chi abbia vinto la sfida tra De Santis e Puscas sembrerebbe facile: il romeno ha messo a segno una tripletta, mentre il difensore non ha terminato la gara a causa di un’espulsione (dubbia). La partita invece ha detto altro: con Ivan in campo, l’attaccante dell’Inter è apparso molto limitato, non il solito squalo che aveva fatto il bello e il cattivo tempo in tutte le precedenti uscite dei nerazzurri; è sì andato in gol per il momentaneo 0-2, ma solo per una disattenzione collettiva della retroguardia rossonera. Mai superato negli uno contro uno, De Santis ha compiuto anzi molti interventi provvidenziali, con alcuni recuperi davvero straordinari: solo dopo il cartellino rosso sventolatogli in faccia da un non impeccabile Colosimo, Puscas è riuscito a tornare un bomber spietato sotto rete, mettendo a segno altre due reti. Il centrale del Milan dunque non esce certo sconfitto da questo duello, forse beffato dagli impietosi giudizi di chi si limita a commentare le partite leggendo sterili e non sempre veritieri numeri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy