FOCUS PM – MONTO IS BACK, ORA E’ TUTTA UN’ALTRA STORIA

FOCUS PM – MONTO IS BACK, ORA E’ TUTTA UN’ALTRA STORIA

Riccardo Montolivo durante un contrasto (fonte: facebook AC Milan)
Riccardo Montolivo durante un contrasto (fonte: facebook AC Milan)
Il Milan è riuscito a strappare un pari importante contro la Roma, dando continuità alla vittoria ottenuta a San Siro contro il Napoli la scorsa settimana. Due risultati positivi che rilanciano la formazione rossonera nella corsa al terzo posto e soprattutto consegnano a Inzaghi una squadra più confidente nei propri mezzi e nelle proprie qualità. Tante le note positive, dalla difesa più solida a un Bonaventura sempre più giocatore a tutto campo, ma una delle notizie che fa sorridere maggiormente Superpippo è il pieno recupero di Riccardo Montolivo.Il capitano infatti dispone di tecnica individuale e grande visione di gioco, qualità purtroppo che mancano nei compagni di reparto, e sta acquisendo nuovamente una condizione fisica ottimale che gli permette di aiutare in fase di copertura e di proporsi costantemente in appoggio al tridente offensivo. Sventagliate da una parte all’altra del campo, verticalizzazioni e inserimenti senza palla: il centrocampo con Monto è riuscito ad alzare il ritmo già nella sfida contro i partenopei, dove la sua posizione ibrida sulla trequarti ha messo in crisi Koulibaly e compagni; si è confermato poi anche con i giallorossi, anche se il match è stato improntato più sulla fase difensiva.Il rientro del numero 18 poi ha avuto un impatto incredibile soprattutto sui compagni di reparto, che hanno alzato decisamente l’asticella nelle ultime due uscite. Nigel de Jong appare lontano dai livelli a cui aveva abituato l’ambiente, ma bisogna ricordare che l’olandese viene da un infortunio e solo a gennaio potrà disporre della miglior condizione. Notevole invece la crescita di Andrea Poli. L’ex Sampdoria gioca ovunque, corre per tappare tutti i buchi e cerca di proporsi frequentemente davanti, inserendosi negli spazi aperti dalla premiata ditta Menez-Bonaventura-Honda. Anche palla al piede, sembra un altro giocatore rispetto a quello di avvio di stagione: gli manca certo il guizzo del fuoriclasse, cerca sempre la giocata più semplice e difficilmente la sbaglia, la crescita della squadra passa anche per la presa di consapevolezza dei cosiddetti ‘operai’ come Poli.Galliani e Inzaghi non si lascino però abbagliare dai recenti miglioramenti considerando la mediana rossonera come ottimamente composta. A gennaio infatti resta comunque essenziale operare per regalare al Mister un altro tassello di qualità, che possa sopperire ad eventuali assenze di Montolivo o che possa impreziosire il centrocampo con un altro interprete capace di velocizzare la manovra. de Jong ed Essien sono in scadenza e sono sempre più lontani dal Milan, potrebbe essere il momento giusto per investire su un giovane di prospettiva come Baselli per completare il reparto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy