FOCUS PM – MILAN, IL PROBLEMA E’ IL CENTROCAMPO. ORA SI CAMBI

FOCUS PM – MILAN, IL PROBLEMA E’ IL CENTROCAMPO. ORA SI CAMBI

Commenta per primo!

acmilan.com
acmilan.com
Per giocare un buon calcio c’è bisogno di qualità in mezzo al campo. Qualità che al Milan manca ed ormai questo é un problema che la squadra rossonera si porta dietro da anni. Da quando i vari Pirlo, Seedorf, Van Bommel hanno lasciato il Milan, nessun centrocampista acquistato successivamente ha saputo dare in mezzo al campo la qualità cercata. La rosa rossonera ha dei limiti strutturali e Pippo Inzaghi ha spesso preparato le partite puntando sul gioco degli esterni, e sorpassando il centrocampo.   Anche la scelta di un Menez come falso 9, che si abbassa a ricevere la palla, è ovviamente dovuta alle difficoltà del centrocampo di costruire. Le grandissime difficoltà di tutti gli attaccanti veri alla corte di Pippo come Torres, Destro e lo stesso Pazzini sono la prova della poca, quasi inesistente, qualità in mezzo al campo.Il Milan è lento, nessun centrocampista tenta la giocata e tutti si limitano a fare le cose più semplici. Ognuno scarica la palla a quello vicino e quasi mai si verticalizza, segnale evidente di un blocco mentale che sfiduciano anche il resto della squadra. De Jong si limita a distruggere le trame offensive degli avversari, Poli corre tanto ma non è molto bravo nel portare la palla, ed infine Van Ginkel, che dopo un periodo di ambientazione, sembra dare qualcosa in più tentando la giocata, ma niente di straordinario. Montolivo è stato più tempo fuori dal campo che dentro a causa dei numerosi infortuni e, quando ha giocato, ha dimostrato di non essere lucido.A volte Inzaghi prova anche la carta Bonaventura per dare una mano ai centrocampisti, arretrandolo come mezz’ala, considerando le doti del calciatore. La cosa che più lascia perplessi, però, è che la società rossonera, in questa sessione di mercato, non sia intervenuta seriamente nel mercato per acquistare almeno un centrocampista di qualità. In estate la prima cosa da fare per rendere il Milan nuovamente una squadra competitiva è investire massicciamente nel reparto in cui il Milan ha più difficoltà.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy