FOCUS PM – CENTROCAMPO, CAMBIANO GLI INTERPRETI, MANCA LA QUALITA’

FOCUS PM – CENTROCAMPO, CAMBIANO GLI INTERPRETI, MANCA LA QUALITA’

Montolivo e Josè Mauri (acmilan.com)
Montolivo e Josè Mauri (acmilan.com)
Il centrocampo è il cuore pulsante di una squadra. I centrocampisti devono essere in grado sia di difendere in fase di non possesso e sia di accorciare in avanti quando la squadra è in fase offensiva, in modo tale da non lasciare da soli gli attaccanti. Insomma, è un reparto importantissimo per la competitività di una squadra.Il Milan ha da qualche anno un palese problema di qualità in questo settore: dopo l’addio di Andrea Pirlo, passato alla Juve nell’estate del 2011,  i vari allenatori  che si sono avvicendati sulla panchina rossonera (Allegri, Seedorf e Inzaghi) hanno sempre preferito un incontrista davanti alla difesa, garantendo più compattezza, ma allo stesso tempo meno qualità in mezzo campo e soprattutto poca qualità nell’impostazione del gioco.Questo problema è evidente anche quest’anno, in cui sono cambiati degli interpreti, ma c’è sempre la sensazione che ci voglia assolutamente un investimento nel centrocampo rossonero. Analizziamo a questo punto  i centrocampisti del Milan presenti al momento in rosa:Bertolacci: acquistato dalla Roma quest’estate per 20 milioni di euro e reduce da una stagione strepitosa con la maglia del Genoa, è stato preso proprio per garantire qualità e inserimenti senza palla alla squadra rossonera. I piedi ci sono, ma il centrocampista romano deve ancora inserirsi visto che ha svolto pochi allenamenti con il gruppo. Ottimo giocatore, ma non è il regista che servirebbe al Milan.Bonaventura: acquistato nell’ultimo giorno di mercato la scorsa estate, Jack è stato sicuramente uno dei migliori della stagione passata. Buon tiro, buoni inserimenti senza palla, buona corsa, l’ex Atalanta può fare sia il trequartista e sia la mezz’ala, diventando un jolly molto importante a disposizione di Sinisa Mihajlovic.De Jong: gli è stato appena rinnovato il contratto per altre 3 stagioni. L’olandese, dotato di grande temperamento, è fondamentale nel dare copertura alla difesa e nello spezzare le trame offensive  avversarie, ma non ha nelle  sue caratteristiche l’impostazione del gioco, limitandosi al passaggio al compagno più vicino. Si discute da parecchio se al suo posto non ci dovrebbe essere un giocatore di qualità in grado di impostare e velocizzare la manovra. Sinisa sembra comunque voler puntare su di lui in quella posizione.Mauri: classe ’96, ha giocato l’anno scorso a Parma, facendosi notare soprattutto per la sua personalità, nonostante le vicissitudini della squadra parmigiana. Buoni inserimenti offensivi, buona tecnica, Josè ha tante potenzialità, ma visto la sua giovane età, non gli si può chiedere di cambiare il volto al centrocampo rossonero. Deve essere sostenuto e supportato da tutti, in modo tale da farlo crescere il più rapidamente possibile.Montolivo: è tornato a giocare nell’amichevole contro Il Lione, dopo che nella scorsa stagione ha disputato pochissime partite per via dei vari infortuni. Centrocampista al momento con più qualità in rosa, avendo sia lancio e sia visione di gioco, Riccardo dovrà dimostrare di essere in grado di reggere anche fisicamente, soprattutto dopo i carichi pesanti di lavoro dell’allenatore serbo.Nocerino: ritornato dal prestito al Parma, il centrocampista napoletano vuole giocarsi le sue chance  nel precampionato, in modo tale da convincere la società a tenerlo. Tanta determinazione, quantità  e inserimenti senza palla, Antonio cerca di ritagliarsi uno spazio importante in questo Milan, ma la concorrenza è tanta e sarà difficile per lui scavalcare le gerarchie di Mihajlovic, soprattutto se dovesse arrivare un altro centrocampista.Poli: tanta quantità, corsa e grinta per Andrea , che è partito subito forte, segnando 3 reti nelle 3 amichevoli disputate dalla squadra rossonera. Il suo compito lo esegue sempre, ma non è certamente quel tipo di giocatore che può far partire la manovra milanista. In ogni caso il suo inizio è positivo, e se continuerà cosi, si ritaglierà un suo spazio anche in questa stagione.Da questa analisi  è evidente  di come ci sia bisogno di un colpo a centrocampo. Tutti i giocatori citati, hanno le potenzialità per fare bene, ma nessuno è in grado veramente di fare la differenza. Ci vuole un giocatore che abbia visione di gioco, lancio lungo, cambio di passo e che allo stesso tempo sia in grado di garantire un equilibrio tattico. La società di via Aldo Rossi  sembra in questo momento concentrarsi  sul difensore, ma il mercato è ancora lungo. Arriverà anche un centrocampista?  Il popolo rossonero lo spera.Salvatore Cantone

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy