ELY SORPRENDE TUTTI, PROVA DEL FUOCO SUPERATA. E ADESSO?

ELY SORPRENDE TUTTI, PROVA DEL FUOCO SUPERATA. E ADESSO?

Rodrigo Ely in azione contro il Lione (Fonte: acmilan.com)
Rodrigo Ely in azione contro il Lione (Fonte: acmilan.com)
Certe volte le sorprese arrivano quando meno te lo aspetti. E Rodrigo Ely, per il Milan è una dolce novità che, unita a quella di Calabria, può far guardare con fiducia al futuro della difesa rossonera.Il giovane italo-brasiliano, tornato al Milan dopo le esperienze nella serie cadetta italiana, in particolare l’ultima ad Avellino, sembra stia diventano uno dei perni quasi insostituibili del reparto arretrato voluto da Mihajlovic. Sempre schierato, provato in differenti situazioni, con avversari diametralmente opposti, ma con l’identico risultato. Ottimo. Mai in soggezione con attaccanti importanti, ma sempre preciso, puntuale ma anche elegante.Nell’ultima gara contro il Real Madrid, la conferma di quello che già in altre gare si era visto. Di fronte aveva gente del calibro di Bale, Benzema e Cristiano Ronaldo, ma il biondino non si è fatto per nulla intimorire: nel primo tempo, Ely si è fatto notare positivamente da tutti per anticipi, personalità, interventi puliti, poca paura di giocare il pallone. E tutto questo per la felicità di Galliani, di Mihajlovic che ha creduto fermamente in lui e del suo manager Raiola.E ora cosa succederà? Insieme al possibile arrivo Romagnoli, Rodrigo Ely potrà essere il leader della difesa milanista per diversi anni, data la sua giovanissima età (22 anni) e gli ampi margini di miglioramento. Senza considerare che i due potrebbero integrarsi alla grande, Ely è un destro naturale, Romagnoli un mancino. E con dietro gente d’esperienza come Mexes, Alex e Paletta pronti ad insegnar loro tutti i segreti del mestiere…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy