CESSIONE MILAN: IL TRIONFO DI BERLUSCONI

CESSIONE MILAN: IL TRIONFO DI BERLUSCONI

Silvio Berlusconi, presidente rossonero (fonte foto: urbanpost.it)
Silvio Berlusconi, presidente rossonero (fonte foto: urbanpost.it)
Ormai da mesi si parlava di una possibile cessione del Milan ed erano stati gli stessi interessati a confermare questa ipotesi. In molti si sono fatti avanti e quasi tutti volevano rilevare interamente, seppur a piccoli passi, la società rossonera, ma dall’entourage di Silvio Berlusconi invece filtrava la volontà del numero 1 rossonero di trovare un socio si importante, ma di minoranza. Negli ultimi giorni poi le cordate di Bee Taechaubol e Richard Lee hanno iniziato a fare sul serio, ma entrambe volevano almeno il 51% del club di via Aldo Rossi e Berlusconi sembrava sul punto di capitolare. Invece da giovedì ad oggi tutti gli scenari sono cambiati: Bee Taechaubol entra nel Milan e lo fa con un rapporto esclusivo, ma sarà solo un socio di minoranza.Il Milan dunque rimane saldamente nelle mani di Silvio Berlusconi che continuerà anche ad avere l’ultima parola sull’organigramma societario, la figlia Barbara e l’amico Adriano Galliani rimarranno quindi al loro posto, proprio come Berlusconi ha sempre voluto. In più arriveranno soldi freschi, quelli che sono mancati negli ultimi anni, grazie ai quali si proverà a rifare grande il Milan. C’è un debito di circa 240 milioni di euro da chiudere con le banche, c’è uno stadio da finanziare e soprattutto bisogna lavorare per far crescere il marchio Milan nell’estremo oriente, la patria di Taechaubol, tutte operazioni che per cui i soldi e le competenze di Mr. Bee servono eccome, ma che verranno fatte ancora sotto la bandiera di questa proprietà.Berlusconi insomma non molla, ma anzi prova a rilanciare il Milan, separarsene adesso, con una squadra a metà classifica e in rottura prolungata con i tifosi non sarebbe stato accettabile, difficile dire adesso cosa succederà da qui a 5 anni, ma certamente oggi è stata posata una pietra importante, la prima, nella costruzione di quello che sarà un nuovo Milan, una squadra che dovrà tornare ai vertici del calcio italiano e mondiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy