CERCI-PALETTA-DESTRO: MERCATO AMARCORD

CERCI-PALETTA-DESTRO: MERCATO AMARCORD

Mattia Destro in allenamento (calciomercato-milan.it)
Mattia Destro in allenamento (calciomercato-milan.it)
Il mercato invernale del Milan è stato, in gran parte, un’appendice del mercato estivo con diverse trattative avviate in estate e, per diversi motivi, concluse solamente nel mese di gennaio.Il primo nome in proposito è sicuramente quello di Alessio Cerci indicato, fin da quest’estate, da Pippo Inzaghi in cima alla sua lista dei desideri: l’ex granata è stato lungamente corteggiato dal Milan (e non solo) ma negli ultimi giorni di mercato l’unica squadra in grado di soddisfare la richiesta economica del presidente Cairo, 18 milioni, è stato l’Atletico Madrid; il Milan, a quelle cifre, non doveva e non poteva competere con i vice campioni d’Europa finendo per ritirarsi dall’asta non senza polemiche da parte dell’entourage dello stesso calciatore. Dopo soli quattro mesi, grazie anche alla mancata esplosione del giocatore alla corte del Cholo Simeone, Galliani è riuscito riportare in Italia Cerci nell’ambito di uno scambio di prestiti di 18 mesi con Fernando Torres.Discorso simile quello relativo al difensore italo argentino Paletta, arrivato per circa un milione di euro nell’ultimo giorno di mercato; l’ex Parma aveva disputato un grandissimo campionato nella stagione scorsa suscitando l’interesse di diversi club italiani ed esteri. In piena estate, grazie anche alla convocazione per i Mondiali brasiliani, la valutazione del giocatore era arrivata a sfiorare i 10 milioni di euro con il giocatore costretto a rimanere a Parma. Quattro mesi dopo, anche a causa della complicatissima situazione societaria della squadra giallo blu, il Milan si è assicurato il giocatore con un blitz in puro stile Galliani ad una cifra quasi dieci volte inferiore.Anche Mattia Destro, forse il fiore all’occhiello di questa sessione di mercato, non ha fatto eccezione: la trattativa con la Roma, infatti, era stata ampiamente abbozzata ed avviata in estate con tanto di pranzi di lavoro tra le societá e procuratori e fotografie al seguito; il Milan ha subito pensato a Destro una volta deciso di disfarsi di Balotelli ma in estate la Roma non era disposta a trattare sulla formula del prestito con diritto di riscatto; in questi mesi, anche a causa dello scarso minutaggio concesso da Garcia, la Roma ha ammorbidito la sua posizione venendo incontro alle esigenze del Milan e accettando un prestito oneroso con diritto di riscatto da esercitare per la prossima estate.Galliani è quindi riuscito a chiudere ben tre operazioni in questo mese di gennaio a condizioni molto piú vantaggiose di quelle su cui aveva trattato in estate.Per quanto riguarda Cerci e Paletta la differenza è sotto gli occhi di tutti: in estate il doppio colpo avrebbe comportato un esborso economico vicino ai 30 milioni di euro mentre quattro mesi dopo Galliani ha dovuto riconoscere solamente un piccolo indennizzo al Parma per il difensore; per Cerci, infatti, ogni discorso economico è rimandato di 18 mesi che, nel calcio, rappresentano un periodo piuttosto lungo durante il quale molte cose possono cambiare o è possibile pianificare un esborso economico dilazionato nel tempo.Discorso formalmente uguale per Destro anche se, sostanzialmente, crediamo che il Milan si sia impegnato a riscattare il giocatore in estate ed abbia giá in mente come mettere insieme i fondi per poterlo fare; Destro è infatti il numero 9 ideale su cui fondare la ricostruzione dell’attacco rossonero e resteremmo tutti sicuramente basiti se i rossoneri decidessero di non riscattarlo. Interpretiamo l’operazione piuttosto come una sorta di pagamento posticipato e rateizzato in modo da non pesare su un unico esercizio di biliancio.  Gaetano De Pippo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy