CALCIOMERCATO: IL MILAN CAMBIA OBIETTIVO PER IL CENTROCAMPO

CALCIOMERCATO: IL MILAN CAMBIA OBIETTIVO PER IL CENTROCAMPO

Andrea Bertolacci, centrocampista del Genoa (fonte foto: www.ilsecoloxix.it)
Andrea Bertolacci, centrocampista del Genoa (fonte foto: www.ilsecoloxix.it)
Un centrocampo da rifondare. Nei nomi e nella qualità. Perchè la prossima stagione, il Milan dovrà essere più fresco, più forte ma soprattutto più italiano. Partiranno in molti, da de Jong a Muntari, da Essien a Van Ginkel.E allora è iniziata la girandola di nomi, che di giorno in giorno riempiono i giornali e i siti di calciomercato: chi arriverà a Milanello per ricostruire una squadra dalla forte ossatura italiana? Fermo restando l’arrivo di Valdifiori, tutt’altro che sicuro quanto necessario, al Milan serve una tipologia di giocatore che ricalchi un po’ le caratteristiche di quel jolly fondamentale che in questa stagione sta dimostrando di essere, cioè un simil Bonaventura.E tutti gli indizi portano ad Andrea Bertolacci. Il centrocampista del Genoa, ma di scuola Roma (qui il Profiling), sembra sposarsi perfettamente alle caratteristiche che la dirigenza rossonera sta cercando. Trequartista o mezzala, velocità, concretezza, buona tecnica, ecletticità e intraprendenza. Bertolacci sia sa un punto di vista tecnico che economico potrebbe essere la scelta giusta. I buoni rapporti con il Genoa e con Preziosi in particolare, possono convincere Galliani della bontà dell’operazione.L’essersi letteralmente buttato su questo giocatore, fa si che il Milan abbia mollato la presa sull’altro talento tanto da tempo accostato ai colori rossoneri, l’atalantino Daniele Baselli (qui il Profiling). Caratteristiche diverse rispetto a Bertolacci, Baselli poteva rappresentare l’alternativa a Valdifiori, visto le sue caratteristiche di centrale di centrocampo votato all’ordine, il playmaker di cestistica memoria. La promessa fatta a Marino sarà dunque lasciata cadere? Tutto sembra portare verso questa direzione, anche se le cose, in ambito di mercato, possono cambiare di giorno in giorno. In questo momento dunque la situazione è questa: si a Bertolacci, no a Baselli. E’ questa la strada giusta per ripartire? 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy