CALABRIA, UN PREDESTINATO PER LA FASCIA ROSSONERA

CALABRIA, UN PREDESTINATO PER LA FASCIA ROSSONERA

Davide Calabria
Davide Calabria, terzino del Milan (fonte foto: calciogazzetta.it)
È sicuramente la nota più positiva di questa prima parte di preparazione e delle prime tre amichevoli: stiamo parlando di Davide Calabria, giovanissimo terzino sinistro promosso in prima squadra dalla primavera di Cristian Brocchi. Calabria è nato a Brescia nel Dicembre del 1996 e con i suoi 18 anni rappresenta il talento più cristallino del settore giovanile. Dopo aver disputato due campionati Primavera sotto la guida di Inzaghi prima e di Brocchi poi, è stato promosso in prima squadra durante queste settimane in cui, fin dai primi allenamenti, ha colpito in maniera molto positiva il nuovo tecnico Mihajlovic.Calabria ha vinto il torneo di Viareggio nel 2014 e l’anno scorso ha esordito in Serie A negli ultimi 7 minuti di Atalanta Milan, ultima giornata di campionato.  In queste prime tre amichevoli contro Alcione, Legnano ma soprattutto Lione, il ragazzo si risultato sempre tra i migliori in campo impressionando per tecnica e personalità: “È Intelligente, fa la cosa logica. Se non si monta la testa, e non credo lo farà, avrà un grande futuro”. Questa l’investitura ufficiale arrivata direttamente da Sinisa Mihajlovic che dimostra di non avere dubbi sulle qualità del diciottenne bresciano. Secondo il tecnico, infatti, Calabria ha tutto per sfondare, a cominciare dalla serietà. È solo un ragazzo, ma gioca da veterano. Soprattutto, ha la testa sulle spalle e una gran voglia di lavorare. Chilometri macinati e cross a regola d’arte, il classe ’96 è un esterno basso completo e già affidabile. Giovane, intelligente e maturo per la sua età, queste le qualità principali che gli addetti ai lavori attribuiscono al baby terzino rossonero.Il percorso di Calabria ricorda quello di un’altra grande promessa rossonera che dopo un paio di stagioni ad altissimo livello è finito per perdersi a causa degli infortuni e di alcuni problemi di personalità; stiamo parlando, ovviamente, di Mattia De Sciglio il quale, dopo aver esordito il serie A nel campionato 2011/2012, si conquistò una maglia da titolare nel Milan nella stagione successiva e arrivò a giocare titolare in Nazionale nella Confederation Cup del 2013 e negli sfortunati mondiali brasiliani dell’anno seguente.Se da un lato ci auguriamo che De Sciglio quest’anno possa tornare ai suoi livelli e dimostrare finalmente di essere un vero terzino da Milan, speriamo anche che Calabria possa ripercorrere le orme del suo compagno magari bruciando le tappe meno velocemente ma senza poi avere quei cali di rendimento tipici dei talenti più giovani.  Calabria potrebbe far tesoro proprio della parabola vissuta da De Sciglio e dovrà innanzitutto non badare a paragoni scomodi che, qualora le sue prestazioni continueranno ad essere su questi livelli, non tarderanno certo ad arrivare.Guardando al campo, la concorrenza, Calabria completerà la batteria dei terzini insieme a Ignazio Abate, Luca Antonelli e lo stesso De Sciglio. La concorrenza è agguerrita ma il Milan se lo tiene stretto; con ogni probabilità, viste le premesse, saranno gli altri a doversi guardare dal ragazzino terribile venuto dalla Primavera; qualora poi De Sciglio dovesse tornare ai suoi livelli, una bella coppia di terzini home made non sarebbe affatto male…Gaetano De Pippo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy