BERLUSCONI, BARBARA E IL FUTURO DEL MILAN

BERLUSCONI, BARBARA E IL FUTURO DEL MILAN

Barbara e Silvio Berlusconi (fonte foto: www.sport.sky.it)
Barbara e Silvio Berlusconi (fonte foto: www.sport.sky.it)
“Chi vuol esser lieto sia, del doman non v’è certezza.” Già, scriveva così uno degli uomini politici e degli intellettuali più importanti di tutto quel periodo passato alla storia come il Rinascimento. Il tale è entrato nei libri di storia come Lorenzo il Magnifico. Sono passati diversi secoli d’allora, ma, anche oggi, troviamo un uomo politico di discreta rilevanza. Uno di quelli che è già sui libri di storia. La stessa persona è, anche, uno dei presidenti di calcio più vincenti di sempre. Silvio Berlusconi è il Presidente del Milan. Tutti i rossoneri gli saranno eternamente grati. Già, ma i tifosi non vivono di ricordi. No, si passa le giornate a parlare di quello che accade, ma, soprattutto, di quello che avverrà.Il passato è un tempo morto che fa venire solo tanta malinconia per quell’età dell’oro che è molto lontana. Se Lorenzo il Magnifico auspicava che per la felicità non bisognava conoscere il domani, Silvio è di parere opposto. Il futuro è stato scritto. No, il tifoso milanista può mettersi il cuore in pace. Non arriverà nessuno strano sceicco o un magnate russo. Il Milan continuerà a parlare lombardo. D’altronde, non lo si scopre solo oggi che Berlusconi è rammaricato del passaggio dell’Inter in mani straniere. A casa sua questo non accadrà mai perché è già stato scelto l’erede. Anzi, è più corretto dire che è stata designata. Bisogna usare il gergo femminile. Il Milan continuerà ad essere legato alla famiglia Berlusconi con Barbara prossima presidente. BB è entrata nel mondo del pallone in punta di piedi, ma in poco tempo ha preteso le redini del comando. Scongiurata la guerra civile con Galliani dallo stesso Silvio. Barbara ha dimostrato di saperci fare eccome. Casa Milan è lì che lo dimostra.Numeri impressionanti ed ogni attività che si svolge in quella piazza è un bagno di folla. Ora, la dottoressa è impegnata nel progetto del nuovo stadio. Insomma, è già proiettata nel futuro perché lo stadio di proprietà è il prossimo passo che devono compiere tutte le società di calcio. Inoltre, non sarebbe male come inizio da presidente debuttare in un nuovo impianto solo rossonero. Nel frattempo, Silvio prova a pensare di cambiare ancora. Parla di azionariato popolare modello Real Madrid. Non sarebbe un brutto cambiamento, di certo, per il nostro paese sarebbe qualcosa di epocale. D’altronde, Berlusconi è quello che presentava le squadre arrivando in elicottero. Insomma, potrebbe essere l’ultimo colpo innovativo prima di passare lo scettro all’erede designata. Forse anche il Magnifico per una volta ha sbagliato. Il tifoso rossonero guarda più sorridente il futuro perché la via è stata tracciata.Paolo Nicoli 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy